Valeria Golino con Emmanuel Carrère a Ascona
Valeria Golino con Emmanuel Carrère a Ascona (RSI)

Ciak News 289: The Voice

Incontriamo Valeria Golino a Locarno

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
 

Lo sappiamo, il titolare del soprannome tecnicamente sarebbe Frank Sinatra, ma contumace lui per sopravvenuta requie ci permettiamo di riassegnarlo a una delle voci più inconfondibili del cinema internazionale. Del resto, se Emmanuel Carrère l'ha voluta come lettrice del suo Il regno a L'immagine e la parola (vedi puntata 288 di Ciak) la ragione è anche questa.

Attraverso il suo caratteristico timbro vocale Valeria Golino fin da inizio carriera è risultata subito inconfondibile. Nei film americani si ridoppiava da sola. Lì per lì molti percepirono quella sua voce strana quasi come un difetto, ma il tempo le ha dato ampiamente ragione.

 

Oggi è una star di livello mondiale, con una lunga filmografia da attrice (85 credits su imdb), un percorso più recente da regista e anche da produttrice.

Rainman, Hot Shots!, Frida, Respiro i titoli che si indicano più spesso. I recentissimi Il capitale umano, Il nome del figlio e Il ragazzo invisibile quelli in cui l'abbiamo vista nel 2014. Miele del 2013 per ora il suo unico da regista.

"Sto già lavorando al prossimo con le mie sceneggiatrici, anche qui a Locarno", ci ha detto nell'intervista che trovate in questa puntata.

C'è anche un altro festival svizzero in corso: parliamo del FIFF con Pierre Lepori.

Come sempre non manca la nostra colonna sonoro, un classico: "I'm easy" da Nashville di Robert Altman.

Ai film nelle sale (causa influenza) accenniamo soltanto: sono Turner, La famiglia Bélier e Home.

 
 

Ciak News è inserito nella nuova trasmissione di spettacoli di Rete Uno Tutti in scena.