(iStock)

Un viaggio "in e attraverso" l’acqua

Con Elizabeth Camozzi e Raffaella Biffi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
 

Dalle 09.00 alle 10.00: Di certo il Gottardo fu dapprincipio battuto da soldati e da pellegrini e, in effetti, le strade dei soldati e dei pellegrini in Svizzera, si intrecciano e si confondono, soprattutto durante l’età moderna, complice la Riforma Cattolica che troverà un saldo perno nel San Gottardo, valico controllato dai Cantoni alleati della Monarchia Hispanica. Su questa dicotomia tra l’aspetto militare e religioso, si sviluppa la dialettica del lavoro di Francesco Cerea, storico e ricercatore associato al Laboratorio di Storia delle Alpi dell’USI, il quale ci fa ripercorrere gli storici pellegrinaggi verso Roma e Gerusalemme, che in queste nostre Alpi elvetiche trovarono nuovo impulso a partire dal 1500, alla volta del Mediterraneo.

Dalle 10.00 alle 11.00: Il mondo dell’acqua, un affascinante intreccio di microorganismi che vengono studiati nei laboratori di microbiologia, come nel caso di Mauro Tonolla, chimico e responsabile del Laboratorio di microbiologia applicata della Supsi. È però anche docente di biosicurezza all’Unversità Ginevra, ambito del quale ci racconta in special modo, un fiume e un lago della Svizzera italiana dopo l’altro; collabora inoltre con il Centro Biologia Alpina di Piora (CBA), che ha un orientamento prevalentemente universitario, ma che è aperto anche ad altri ordini di scuole e ad un pubblico con interessi naturalistici. Tra le tante domande, ci chiediamo quindi ad esempio cosa contengano le nostre acque, oppure quanto siano sicure e, ancora, quali siano le varie caratteristiche di conservazione.