Mezzana Assemblea generale Comunità di lavoro Regio Insubrica e cambio presidenza Norman Gobbi (TiPress)

I primi 25 anni della Regio Insubrica, tra pregi, difetti e sfide future

Con Antonio Bolzani

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
 

I primi 25 anni della Regio Insubrica meritano un approfondimento per spiegare cosa questa comunità di lavoro ha realmente e concretamente fatto e cosa, invece, non è riuscita a realizzare; a questo proposito, nel corso di questo primo quarto di secolo, spesso, si è parlato di organismo astratto e poco vicino alla realtà e alle necessità della popolazione e del mondo del lavoro.

Ricordiamo che la Regio Insubrica, che ha nove partner istituzionali, promuove la cooperazione transfrontaliera nella regione italo-svizzera dei Laghi Prealpini e favorisce la presa di coscienza dell’appartenenza ad un territorio che è iscritto, al di là dei confini istituzionali, nella geografia, nella storia, nella cultura e nella lingua. Il suo ruolo è anche diplomatico e di mediazione nelle relazioni transfrontaliere che di tanto in tanto, per diversi motivi, evidenziano delle tensioni e delle conflittualità su specifici temi.

Eppure, nell’area insubrica e transfrontaliera, dal punto di vista geografico e socio-culturale, vi sono molti interessi comuni che coincidono ed una mentalità molto simile: pensiamo alla lingua, ai dialetti, a molti usi e costumi e ai due laghi, Verbano e Ceresio, che hanno delle sponde svizzere e italiane. Tracciano con noi un bilancio dei primi 25 anni della Regio Insubrica, gettando uno sguardo al passato, uno al presente ed uno alle sfide future.

 

Ospiti:
Francesco Quattrini, segretario della Regio Insubrica
Professor Remigio Ratti, economista del territorio ed esperto di economia e di politica dei trasporti transfrontalieri
Norman Gobbi, presidente del Consiglio di Stato e direttore del Dipartimento delle Istituzioni
Matteo Marnati, presidente della Regio Insubrica
Roberto Mura, presidente della Commissione Speciale “Rapporti tra Lombardia, Istituzioni europee, Confederazione Svizzera e Province autonome”