(iStock)

Nulla sarà più come prima? L’impegno della Chiesa cattolica nella lotta alla pedofilia

Con Roberto Antonini

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
 

he il problema fosse diffuso già lo si sapeva da anni. Che la questione fosse ben lungi dall’essere stata risolta purtroppo lo conferma la cronaca dei casi che coinvolgono ancora oggi preti e personale religioso. Tuttavia in pochi potevano immaginare quale fosse la dimensione reale del fenomeno e il rapporto pubblicato pochi giorni fa in Francia ha avuto l’effetto di un terremoto. Negli ultimi 70 anni ben 330mila bambini sono state vittime di abusi sessuali nelle Chiese. Una cifra enorme che indica quanto i crimini siamo stati sistemici. Una lunghissima scia dell’orrore di fronte alla quale il Vaticano e le diverse diocesi dicono di voler lottare senza esitazione alcuna. Ma come, in che modo? E perché la pedofilia è un problema tanto diffuso nelle chiese? Interrogativi ai quali Millevoci tenta di fornire una risposta con

Ne parliamo con:
Dante Balbo
, portavoce della Commissione della Diocesi di Lugano contro gli abusi sessuali
Stefano Loppacher, teologo, incaricato dalla Diocesi di Coira della prevenzione contro gli abusi sessuali
Lucetta Scaraffia, storica teologa ha curato fino al 2019 per l’Osservatore romano l’inserto “Donne, Chiesa, Mondo
Francesco Zanardi, Fondatore e Presidente della Rete L'ABUSO, Rete italiana di sopravvissuti agli abusi del clero

Conferenza dei vescovi Svizzeri: Commissione d’esperti „abusi sessuali in ambito ecclesiale“

 

https://www.ivescovi.ch/gruppi-d-esperti/commissione-desperti-abusi-sessuali-in-ambito-ecclesiale/