(iStock)

L'impressione di correre e correre e non andare da nessuna parte

Con Enrica Alberti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Forse è un segno dei tempi. Forse è un effetto di questa società così esigente, frettolosa e competitiva. Di certo, ambizioni, desideri, obiettivi della vita sono molto cambiati, da trenta, quaranta, cinquant’anni a questa parte.
Così accade che si sia sempre di corsa… a volte senza avere nemmeno bene in chiaro “dove andare”. Occupiamoci di questa sensazione di smarrimento: forse ci aiuteremo a vicenda a fare chiarezza. Rallentando il ritmo.

Tamara Rigano, psicologa

Marco Gazzola, atleta

Alberto Mattei, fondatore "Nomadi digitali"