(Keystone)

Difesa Militare Svizzera

Con Maria Pia Belloni e Daniele Rauseo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
Difesa Militare Svizzera

Difesa Militare Svizzera

Con Maria Pia Belloni e Daniele Rauseo

 
 

Per molto tempo la difesa militare è stato un indiscutibile elemento d’identità nazionale, tanto che negli anni della guerra fredda una frase caratterizzava la Svizzera nel mondo: La Svizzera non ha un esercito, la Svizzera è un esercito. Per secoli ogni cittadino svizzero maschio era tenuto a dare il suo contributo e questo ha funto anche da leva per legami interpersonali ed interculturali coltivati per intere generazioni.

Negli ultimi decenni molte cose sono cambiate dentro e fuori la struttura militare elvetica, dalle richieste di abolizione dell’esercito alla creazione del servizio civile, all’apertura alle donne, evoluzione dettata dai cambiamenti sociali economici e culturali che hanno modificano alcune riflessioni sul militare, una prova l’abbiamo avuta proprio in questo ultimo anno durante il quale i militari, al fianco della struttura sanitaria e politica sono scesi in campo per combattere la pandemia a protezione della popolazione. Nello stesso anno alcune cifre indicano i ticinesi tra i meno idonei al servizio militare e le donne ticinesi sempre più affascinate dal grigioverde. Tempo per noi di fare un giro all’interno della struttura militare e capire alcuni meccanismi.

Lo faremo con  con i nostri ospiti:
Ryan Pedevilla
, Capo della Sezione del militare e della protezione della popolazione
Stefano Fedele, Comandante di Circondario Dipartimento delle Istituzioni
Daniele Meyerhofer, Comando scuole sanitarie 42 Formazione d'addestramento della logistica
Sibille Fredweiler Haab, Ufficiale superiore

Esercito Svizzero