(keystone)

Governo elettronico, scuola digitale e giornali in rete: come orientarsi e cosa sapere

Con Daniele Rauseo e Antonio Bolzani

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
 

“Oramai è tutto in rete!”: quante volte abbiamo sentito e detto questa frase che costituisce peraltro una nitida fotografia di una realtà che si sta sempre più orientando verso il digitale. Questa rivoluzione tecnologica ha travolto anche l’editoria, i media e la stampa, la scuola e le attività e i servizi amministrativi che sempre più fanno parte di quel “governo elettronico” con il quale la popolazione si sta oramai abituando a confrontarsi in rete. A proposito di comunicazioni ufficiali e istituzionali, va detto che anche lo storico “Foglio Ufficiale”, a partire dal prossimo primo febbraio abbandonerà la sua tradizionale edizione cartacea: una svolta epocale per una pubblicazione ticinese che per oltre 175 anni è stata letta da moltissime persone, sfogliando manualmente un elevato numero di pagine in carta. Ora il Foglio Ufficiale lo si potrà consultare soltanto in forma elettronica e gratuita sul portale web www.ti.ch, come già accaduto in diversi altri Cantoni svizzeri. Queste continue e progressive trasformazioni dal cartaceo al digitale implicano e richiedono anche un nostro nuovo modo di accedere a quelle informazioni e a quelle comunicazioni che ci servono nella nostra quotidianità di cittadini attivi e consapevoli. Proprio di queste nuove modalità divulgative si occuperà l’edizione di Uno Oggi.  

Ospiti:
Arnoldo Coduri, cancelliere del Canton Ticino
Antonio Platz, direttore del giornale "Il Grigione Italiano"
Marco Petrelli, giornalista RSI
Giò Rezzonico, giornalista e direttore generale della “Rezzonico Editore”
Prof. Massimo Frapolli, coordinatore cantonale degli esperti di italiano della scuola dell’obbligo