(iStock)

L’eTrading non è il Monopoli

Con Danny Rauseo e Nicola Colotti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
L’eTrading non è il Monopoli

L’eTrading non è il Monopoli

Con Danny Rauseo e Nicola Colotti

 
 

Negli ultimi mesi è aumentato il numero di persone che frequentano piattaforme, app o gruppi social, con l’obiettivo di individuare informazioni utili per investire denaro nei mercati finanziari senza un’adeguata conoscenza della materia. Nel 2020 milioni di persone hanno scaricato app per acquistare azioni online. Queste app sono diffusissime tra i più giovani, l’età media nelle varie piattaforme non supera i 35 anni. La finanza tradizionale ha età medie molto più elevate. Nell’ultimo anno, complice la pandemia, sono aumentati notevolmente gli utenti complessivi di quasi il 50 percento. Nei primi 9 mesi del 2020 i depositi sulle piattaforme sono quadruplicati. Il valore dei titoli scambiati raggiunge cifre impressionanti.

Ultimamente il caso GameStop ha evidenziato alcune problematiche nel settore del trading online, rendendo necessario sottolineare l’importanza dello studio e di un approccio professionale agli investimenti finanziari. Per entrare nel mondo finanziario ed è necessaria la massima prudenza per evitare di perdere, in alcuni casi, i propri risparmi.

In questa puntata cerchiamo di inquadrare meglio questo mondo e vogliamo capirne di più sui rischi e sulla legislazione presente.

Sono ospiti:
Marzio Minoli
, giornalista economico RSI e conduttore della trasmissione televisiva “Tempi moderni
Antonio Mele, Professore ordinario di Finanza presso l'Università della Svizzera Italiana e titolare di una Senior Chair dello Swiss Finance Institute
Paola Franzetti, avvocato responsabile dell'area giuridica del Centro di Studi Villa Negroni a Vezia