(iStock)

La giornata della donna: quanto è ancora lungo il cammino verso la parità?

Con Elisa Manca e Antonio Bolzani

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
 
 

Rieccoci, anche questa volta, a celebrare la Giornata internazionale dei diritti della donna, una ricorrenza che giunge in un anno particolare perché in Svizzera si è appena festeggiato il Cinquantesimo del suffragio femminile e, il 14 giugno, si ricorderà un'altra tappa importante: era il 1981, cioè 40 anni fa, quando fu votata l’iscrizione nella Costituzione federale del principio della parità tra donna e uomo. Inoltre, vale la pena di rievocare anche il primo sciopero femminile di 30 anni fa, quando -eravamo nel 1991- nelle strade e nelle piazze del nostro Paese 500 mila donne sfilarono pacificamente: un successo straordinario! Tanto si è fatto ma molto rimane ancora da fare nel campo della parità dei diritti, dell’uguaglianza salariale, della presenza femminile in politica, del legittimo e doveroso riconoscimento che in molti campi le donne faticano ad avere e del ruolo fondamentale dello Stato nella questione della parità di genere. In “Uno Oggi” facciamo il punto alla situazione, spiegando quali sono le tappe ancora da percorrere e da vincere per arrivare alla sospirata parità tra l’uomo e la donna in tutti gli ambiti, eliminando quelle discriminazioni che ancora oggi continuano a contrassegnare la nostra società.

Sono ospiti:
Marialuisa Parodi
, presidente dell’associazione femminile ticinese FAFTPlus (Federazione Associazioni Femminili Ticino Plus) e membro di comitato dell'Associazione-piattaforma informativa CH2021
Françoise Ghering, giornalista e municipale di Mendrisio
Francesca Luisoni, storica e municipale di Mendrisio
Lorenzo Gasparrini, filosofo femminista e già docente presso la Sapienza Università di Roma
Sabrina Dallafior, Console generale della Svizzera a Milano