(iStock)

Niente musica maestro: il silenzio pandemico dei cori e delle bande

Con Elisa Manca, Antonio Bolzani e Nicola Colotti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
Niente musica maestro: il silenzio pandemico dei cori e delle bande

Niente musica maestro: il silenzio pandemico dei cori e delle bande

Con Elisa Manca, Antonio Bolzani e Nicola Colotti

 
 

Sono tempi e mesi difficili anche per la musica per coro e la musica bandistica che da sempre, grazie ad una solida tradizione secolare, rappresentano tre le attività culturali e ricreative più apprezzate e più seguite nella Svizzera italiana. Sappiamo come le bande e soprattutto i cori sono però diventati dei momenti di svago ad alto rischio contagio a causa della vicinanza dei musicisti e dei coristi, una distanza insidiosa che non ripara dalle inevitabili goccioline che vengono emesse da chi canta in un luogo chiuso per un periodo prolungato. La pandemia ha dunque chiuso le bocche di coloro che si ritrovano insieme per cantare e zittito gli strumenti delle bande.
Noi oggi vi proponiamo allora una carrellata di voci di alcuni protagonisti del mondo musicale per capire come stanno vivendo questa difficile situazione che ha provocato anche l’annullamento di concerti e di manifestazioni e per spiegare quali possono o potrebbero essere delle alternative per continuare a cantare e a suonare.
A distanza e, magari, con la mascherina.

Ospiti:
Andrea Cupia, presidente della Commissione Musica della Federazione ticinese Società di canto
Sergio Pacciorini-Job, maestro del Coro Castelgrande di Bellinzona
Luca Sala, presidente della Federazione bandistica ticinese (Febati)
Luana Menoud Baldi, presidente Associazione bandistica svizzera