(iStock)

Un corso per genitori e una banca per le donne

Con Isabella Visetti e Paolo Riva

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
 
 

Un corso per formare una famiglia e per diventare genitori? Davvero serve? Sembra di sì, almeno in funzione preventiva. È quello che propone l’Associazione Comunità familiare con il suo consultorio per dare alle giovani coppie una “cassetta degli attrezzi”, utile per affrontare i vari momenti della vita a due e poi quella con i figli. Fra i momenti delicati nella vita di coppia c’è sicuramente quello della nascita di un bebè, con tutti gli stravolgimenti che comporta, e quello di trovare un nuovo equilibrio nella relazione, con uno spazio per il padre, figura che trovare un ruolo nella giovane famiglia.

Non è invece un corso, ma è un’offerta di servizi finanziari rivolta a un pubblico femminile quella che propone la banca online FEA, nata a Zurigo in agosto e che sta iniziando proprio in questi giorni la sua attività. Ma perché rivolgersi solo alle donne? È un tentativo di attrarre una nuova clientela che magari non è così soddisfatta di quello che propongono i tradizionali istituti di credito? La realtà ci dice che la finanza è ancora un dominio maschile, mentre gli studi evidenziano come le donne abbiano un approccio diverso rispetto agli uomini per quello che riguarda gli investimenti e scelgano più spesso soluzioni finanziarie sostenibili.

Ne parliamo con:
Federica Invernizzi Gamba, direttrice del Consultorio di Comunità familiare e mediatrice familiare
Francesco Sella, consulente familiare e psicoterapeuta
Alberto Stival, rappresentante di Swiss Sustainable Finance in Ticino e docente di sistemi finanziari alla SUPSI