Viaggiare Si, ma come? Radiografia del mercato del turismo e non solo (2./2)

Con Maria Pia Belloni e Danny Rauseo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La Neue Zürcher Zeitung propone da ieri ai suoi lettori un sondaggio, per capire chi, come, dove e con che spirito, gli svizzeri riprenderanno a viaggiare, ad oltre un anno dall’inizio della pandemia.

Lo stesso faremo noi in questa puntata per capire cosa è cambiato nel mercato dei viaggi, dove una sorta di inversione di paradigma indicherebbe come molte persone siano tornate all’agenzia e al viaggio organizzato, rispetto al viaggio fai da te. Per la Svizzera, terra di aziende servizi e turismo questa nuova estate sarà un importante banco di prova con la speranza che i clienti asiatici ritrovino la voglia di tornare a visitare il nostro paese. Tante cose sono cambiate da quando tutto ha avuto inizio ed il settore dei viaggi come altri, ha pagato pegno. Tante quindi le iniziative per ridare slancio all’economia di settore, svizzera turismo nell‘imminente conferenza stampa presenterà il progetto “Swisstainable”, per un turismo sostenibile, una tendenza che secondo gli esperti del settore, si starebbe diffondendo tra chi, ha ancora il privilegio di poter viaggiare.

Il viaggio dopo la pandemia sarà diverso: con meno sprechi, con maggior consapevolezza, con più paure, alla ricerca di esperienze autentiche?

Sono ospiti:

Davide Nettun, portavoce Hotelplan

Lorenzo Pianezzi, Presidente Hotellerie Suisse Ticino

Claudio Visentin, Prof USI esperto di viaggi

Gabriele Della Casa e Gisela Etter, viaggiatori solitari