(iStock)

Africa, 17.07.19

Con Elena Caresani

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
 
 

In questa edizione di “Nord Sud Ovest Est” si torna in Africa, il grande continente dei contrasti, impossibile da riassumere, ma che proveremo a raccontare con ospiti che ne conoscono alcuni aspetti.

Il percorso di questo sabato inizia dal Marocco dove un viaggio in automobile è stato terapeutico per Jonathan Duca che dopo una serie di interventi chirurgici in seguito ad un incidente, si è rimesso in cammino grazie all’esperienza vissuta attraversando deserti e luoghi remoti alla guida del suo fuoristrada targato Ticino. Come ci si prepara per un viaggio del genere, quanto tempo è necessario, cosa bisogna avere a bordo, cosa si prova nel deserto sono alcuni degli argomenti di cui ci parlerà Jonathan.

Nella seconda ora, quando abbiamo sempre il piacere di ospitare persone di origine straniera che vivono in Svizzera, è il turno di Peter Moran, ingegnere e imprenditore nato e cresciuto in Sudafrica, che nel corso della sua vita ha vissuto a lungo negli Stati Uniti e a Singapore. Ora la sua base è in Ticino da dove lavora al ritmo del fuso orario dell’estremo oriente dove si trovano i suoi principali interessi professionali. Quali tratti del Sudafrica porta ancora con se un cittadino del mondo? Com’era il paese quando vi viveva ai tempi dell’Apartheid, cosa ritrova oggi quando vi trascorre le vacanze con la famiglia?

Alle 11:00 ci colleghiamo con Rachele Mari-Zanoli a Nairobi per ragioni professionali, mentre la sua base in Africa è in Burkina Faso. Lei ha lasciato la Svizzera e un lavoro da dirigente nel settore bancario per occuparsi di aiuto allo sviluppo con ONG attive nel continente africano e dal 2018 è in forze al CiCR. In seno al Comitato Internazionale della Croce Rossa Rachele Mari Zanoli ha un incarico che la porta a spostarsi da un paese all’altro con grade agilità, ad incontrare realtà difficili, a fare incontri straordinari di cui ci parla in questo incontro a distanza.