Incredibili racconti di casa nostra a cinque cerchi
Incredibili racconti di casa nostra a cinque cerchi (Keystone)

Noè e Ajla, imprese da ricordare per sempre

Un anno fa Ponti e Del Ponte scrivevano la storia dello sport ticinese ai Giochi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I Giochi Olimpici erano quelli di Tokyo 2020, ma la data che tanti ticinesi si ricorderanno a lungo sarà sempre quella del 31.07.2021. Sì, perché un anno fa preciso preciso - dopo il rinvio forzato causa coronavirus della manifestazione a cinque cerchi - sia Noè Ponti che Ajla Del Ponte scrivevano una bellissima pagina per il nostro cantone, andando a cogliere risultati fin lì impensabili nel nuoto e nell'atletica. Risultati storici, appunto.

Semplicemente straordinario, Noè Ponti si mise al collo a sorpresa ma strameritatamente il bronzo nei 100m delfino. Nella sua disciplina prediletta, l'oggi 21enne stampò un meraviglioso 50"74, chiudendo alle spalle dell'imprendibile Caeleb Dressel (primato mondiale in 49"45) e di Kristof Milak. Nessuna medaglia, ma un risultato altrettanto eccezionale fu quello di Ajla Del Ponte, capace di terminare al quinto posto nella gara più attesa dell'intero evento, i 100m dell'atletica leggera. Fu di 10"97 il suo cronometro, in una gara che vide al sesto posto anche Mujinga Kambundji (10"99) e che incoronò Elaine Thompson-Herah (10"61).

 
 
 
Condividi