Il CEO bianconero e il direttore generale biancoblù
Il CEO bianconero e il direttore generale biancoblù (rsi.ch)

"La si potrebbe definire una catastrofe"

Werder e Mona concordano sull'effetto di una nuova riduzione a 1'000 spettatori

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La decisione del canton Berna di limitare nuovamente a 1'000 il numero di spettatori presenti nelle piste e negli stadi preoccupa anche i club di hockey ticinesi. "È chiaro che diventa un problema esistenziale - ha detto il CEO del Lugano Marco Werder - perché oltre agli investimenti effettuati per installare i seggiolini negli spalti il concetto di prevenzione genera costi anche con la disinfezione, la creazione di turni supplementari di lavoro e la gestione di entrate e uscite dalla Cornèr Arena. Gettare tutto questo all'aria sarebbe pari ad una catastrofe".

Delle realtà cantonali così diverse ci mettono in difficoltà come Lega Marco Werder

Sulla stessa lunghezza d'onda è Nicola Mona. "Sarebbe un cambiamento totale delle regole del gioco - ha sottolineato il direttore generale dell'Ambrì - Abbiamo già lottato per ottenere 3'100 posti, ovvero la metà della capienza normale, e passare a 1'000 vorrebbe dire scendere ancora di due terzi, con tutte le perdite immaginabili a livello di gastronomia e vendite post partita, che crollerebbero. La chiamerei anche io una catastrofe".

Siamo comunque ben coscienti che la salute pubblica viene prima di tutto, su questo non si discute Nicola Mona
 
Condividi