Pronto per la nuova avventura
Pronto per la nuova avventura (Ti-Press)

"Lajunen mi ha convinto, ora attendo il derby"

Il portiere del Lugano Koskinen si è presentato: "Qui per la famiglia e per vincere"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

di Ariele Mombelli

Tranquillo, sereno e con una voglia matta di vivere la sua esperienza a Lugano. Nonostante l'apparenza, quella tipica di un finlandese. Mikko Koskinen si è presentato ai media nella splendida cornice di Villa Sassa, spiegando dapprima le motivazioni della scelta: "Sono qui perché dopo alcuni anni in NHL sentivo il bisogno di una nuova sfida. Sapevo che questa è un'ottima squadra con una grande organizzazione alle spalle. E poi qui, con un calendario meno fitto rispetto alla NHL e alla KHL, c'è più tempo per godersi la famiglia. Oltretutto in un posto fantastico che mi ha colpito nel giro di un paio d'ore".

Sono un ragazzo tranquillo, ma amo pure stare con la squadra Mikko Koskinen

A giocare un ruolo importante nella decisione di Koskinen è stato anche un ex giocatore dei bianconeri: "Sì, ho sentito diverse volte Jani Lajunen e mi ha sempre raccontato cose positive, sia della città che del club. Mi ha convinto con le sue parole e devo dire che non si sbagliava. Ora però guardo già avanti, perché sono qui per vincere. La squadra, come detto, ha le carte in regola per fare bene. Sono certo che avremo le nostre possibilità per arrivare fino in fondo in campionato". Un campionato che il 33enne reputa il migliore dopo la NHL: "Sì, il vostro hockey sta crescendo molto, ad immagine dei risultati della Nazionale negli ultimi anni".

Mi aspetto una lega equilibrata Mikko Koskinen

Solo qualche ora passata in riva al Ceresio gli è in ogni caso bastata per inquadrare la rivalità con l'Ambrì. "Me ne hanno parlato e allora sono andato a vedere qualche video su YouTube - ha raccontato l'ex estremo difensore degli Edmonton Oilers - I tifosi mi hanno decisamente impressionato, sono loro a creare la partita con un'atmosfera davvero fantastica. Non vedo l'ora di giocare davanti a loro, perché ti portano a dare quel qualcosa in più"

 
Condividi