Il numero 14 ha ritrovato anche il sorriso
Il numero 14 ha ritrovato anche il sorriso (Keystone)

Spacek innesca Chlapik, la reazione è servita

L'Ambrì mette fine alla serie di sconfitte grazie anche a Bürgler e Kneubuehler

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La pausa ha decisamente fatto bene all'Ambrì che ha potuto ricaricare le batterie e ritrovare le sue basi per andare a interrompere la serie di otto sconfitte consecutive. Due vittorie e cinque punti che fanno rientrare i biancoblù nella pancia della classifica e nella lotta per playoff e pre-playoff. Tutte le linee hanno dato il loro contributo, ma decisiva è stata la decisione di Cereda di rimettere insieme i due cechi Chlapik e Spacek. Senza dimenticare il powerplay che è tornato a produrre reti.

*** Chlapik e Spacek: il disegno pensato da Duca e Cereda al momento di ingaggiare i due cechi si è materializzato in questo weekend. Spacek ha illuminato e Chlapik ha bucato i portieri avversari con grande freddezza come faceva la scorsa stagione in patria, mettendosi alle spalle un periodo difficile con tanto di rumors di partenza dalla Leventina. Cinque assist per il top scorer e quattro reti e un passaggio decisivo per il numero 14 dicono tutto sulle loro due partite.

** Kneubuehler: due reti e un assist per il numero 11 nel weekend e un totale già a sei gol e quattro passaggi vincenti che lo lanciano verso la sua miglior stagione. L'anno scorso aveva segnato sette volte: non sembra più essere solo pericoloso ma pure concreto.

* Bürgler: poco prima della pausa per le Nazionali aveva ritrovato la via della rete dopo dieci incontri a secco ma non aveva potuto evitare le sconfitte dei leventinesi. Con una rete e due assist nel weekend, oltre a un gol annullato e alla sua intelligenza, il numero 87 si conferma una pedina vitale di questo Ambrì che ritrova la vittoria.

- Shore: più che da noi, la bocciatura arriva da Cereda. A penalizzare l'ex Zugo sono soprattutto le prestazioni decisamente buone degli altri stranieri, ma anche lui quando schierato non è quasi mai riuscito ad accendersi. Sta pagando a caro prezzo l'infortunio al costato nel finale di preparazione che lo ha lasciato sempre un passo dietro agli altri.

 
Condividi