Primo dispiacere del nuovo anno per i sottocenerini
Primo dispiacere del nuovo anno per i sottocenerini (JustPictures)
Lugano
2
Zurigo
3
  • 26' Arcobello
  • 32' Josephs
  • 20' Geering
  • 36' Quenneville
  • 48' Krüger
Tabellino Risultati e classifiche

Un solido Lugano si arrende allo Zurigo

Nella prima sfida del 2022 i bianconeri sono stati battuti 3-2 dagli ZSC Lions

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Dopo quasi tre settimane dall'ultima sfida, il Lugano è tornato in pista per la sua prima partita di questo 2022. Alla Cornèr Arena i bianconeri sono stati sconfitti 3-2 dagli ZSC Lions, in quello che era uno scontro importantissimo in termini di classifica, con Arcobello e compagni che si trovano ora a -13 dal 6o posto occupato proprio dagli zurighesi. Dopo un primo tempo iniziato comprensibilmente con il freno a mano tirato, i ticinesi sono via via cresciuti con il passare dei minuti, disputando un ottimo periodo centrale, ma venendo puniti nel terzo conclusivo dalla maggior freschezza dei Lions.

In pista con la stessa formazione vista all'opera lo scorso 23 dicembre, fatta eccezione per Nodari che ha sostituito l'infortunato Guerra, i padroni di casa hanno sofferto un inizio ad altissima intensità da parte degli ospiti, che li ha costretti a scordarsi in fretta del lungo stop dovuto al Covid e ad entrare immediatamente nel ritmo partita. Ne è così nata una prima frazione nella quale i sottocenerini hanno badato più a non subire reti che a farne, con Schlegel che ha dovuto anche sfoggiare alcuni ottimi interventi prima di capitolare per la prima volta al 19'04" sul tiro di Geering. Tutt'altra storia invece il periodo centrale, con i ragazzi di McSorley che sono tornati in pista con il coltello tra i denti, scagliando tantissimi tiri sulla gabbia dei Lions e trovando il meritato pareggio al 25'28" con Arcobello, ben servito da Carr.

La rete ha dato slancio e fiducia al Lugano, che ha continuato a spingere e a giostrare nel proprio terzo d'attacco, costringendo lo Zurigo a commettere parecchi falli. E proprio da una situazione di superiorità numerica (la 3a nel giro di 5') Josephs ha firmato il punto del raddoppio, infilando Kovar tra le gambe al 31'58". Gli uomini di Grönborg, si sa, non sono mai domi, e così contro l'andamento del gioco si sono nuovamente fatti sotto, trovando il gol del 2-2 con Quenneville al 35'35". Nel periodo conclusivo sono stati ancora una volta gli ospiti riportarsi avanti, questa volta in modo decisivo, grazie a Krüger, che ha trafitto Schlegel da sottomisura al 47'24". I sottocenerini, nonostante i numerosi tentativi, non sono però più riusciti a riagguantare il pareggio, terminando comunque tra gli applausi una sfida giocata a testa alta contro un avversario che arrivava da 5 successi consecutivi.

 
 
 
Condividi