Capitan Hischier ha dato il là alla rimonta
Capitan Hischier ha dato il là alla rimonta (Keystone)

Una vittoria così era quello che mancava

La Svizzera si complica la vita ma fa 6 su 6: grave perdita quella di Scherwey

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

dall'inviato ad Helsinki Ariele Mombelli

Highlight: se c'è una vittoria che mancava in questo Mondiale, ecco questa era una ottenuta in rimonta. Fin qui mai ritrovatasi a rincorrere alla prima sirena e oltretutto mai in doppio svantaggio, la Nazionale ci ha messo decisamente troppo a carburare, ma una volta tornata sul ghiaccio lo ha fatto con tutt'altro atteggiamento, prendendo la partita in mano. Sul piano della prestazione si tratta sicuramente di un passo indietro, ma in fondo quello che contava era vincere, anche per non vanificare immediatamente il successo sul Canada. E lo si è fatto anche grazie a quel rigore neutralizzato da Berra quando il punteggio recitava 2-0 per i francesi.

Top player: un po' in ombra nelle primissime partite del torneo, Hischier sembra ora aver cambiato registro. Già protagonista contro il Canada, il numero 13 si è caricato sulle spalle la Svizzera da vero capitano in particolare in entrata di secondo periodo: prima scartando il cioccolatino servitogli da Meier per l'1-2 al 20'25", poi vedendo premiata la sua insistenza con l'assist in seconda sul 2-2 di Riat. Menzione doverosa anche per Kukan, che oltre a chiudere definivamente i giochi col 4-2 ci ha messo lo zampino anche nella prima e nella seconda rete. Una partita da tre punti, come lo stesso Hischier, autore pure del 5-2 a gabbia sguarnita.

Time out: non lasciava presagire a nulla di buono, e in effetti l’infortunio occorso a Scherwey durante primo tempo si è rivelato grave. L'attaccante del Berna, fratturatosi il piede destro impattando contro la balaustra, non scenderà più in pista in questo Mondiale. Per Fischer e per tutta la Nazionale si tratta di una grave perdita, che andrà verosimilmente colmata inserendo nel lineup Miranda, all’onor del vero fin qui tutto fuorché convincente. Starà allora al gruppo compattarsi ulteriormente, anche se purtroppo - ne siamo certi - esultanze contagiose per dei tiri bloccati non ne rivedremo più. Perché di Scherwey ce n’è solo uno e la sua mancanza, soprattutto a livello caratteriale, si farà sentire.

Condividi