Le cellule staminali preposte alla produzione di sperma si possono riattivare anche dopo 20 ani di conservazione
Le cellule staminali preposte alla produzione di sperma si possono riattivare anche dopo 20 ani di conservazione (Ti-Press / Francesca Agosta)

Cellule staminali attive dopo 20 anni

Potrebbero essere usate per preservare la fertilità nei bambini che si sottopongono a trattamenti in grado di comprometterla

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Le cellule staminali preposte alla produzione degli spermatozoi possono riattivarsi dopo essere state congelate per più di 20 anni. Lo dimostra uno studio dell’Università della Pennsylvania, reso noto martedì. Ciò permetterebbe ai bambini di potersi riprodurre anche se sottoposti a trattamenti in grado di comprometterne la fertilità.

Le terapie contro il cancro possono causare problemi legati all’infertilità, ma ai giovani e agli adulti che seguono questi trattamenti è data la possibilità di potersi riprodurre. Ciò attraverso il congelamento dello sperma. Per i bambini invece ciò non è possibile.

Il nuovo approccio prevede una biopsia testicolare parziale e la crioconservazione delle cellule staminali dello sperma per 20 anni. In questo caso, spiegano i ricercatori, un trapianto ne rigenererebbe la fertilità, seppur con un’efficienza ridotta.

SDA-ATS/JKM
Condividi