La recensione

di Giordano Montecchi

Ha senso "recensire" (virgolette d'obbligo in questo caso) un dvd che non esiste? Per quanto paradossale possa sembrare la cosa, sì, ha senso dal momento che sappiamo bene quale sarebbe l'esito di una riedizione in video di un capolavoro del teatro musicale – forse il vertice assoluto nella storia dell'opera europea (ma capolavoro anche per quanto riguarda regia, canto e direzione, a pari merito) – che vide la luce a suo tempo in videocassetta, quindi in laserdisc, per poi scomparire totalmente dalla circolazione. Parlo delle Nozze di Figaro che Claudio Abbado diresse alla Staatsoper di Vienna nel 1991. Non sono l'unico a pensare che forse questa, ancora oggi, sia la più bella incarnazione teatrale di quest'opera. Dunque più che una recensione potremmo definirlo un appello – tanto appassionato quanto velleitario – affinché nuovamente si possa apprezzare questa meraviglia.