“Le mie stelle nere”

Sono diventato nero all'età di nove anni - di Matteo Severgnini

Al centro di questo Laser vi è Lilian Thuram, originario della Guadalupe, uno dei più importanti calciatori della storia del calcio francese.
A partire dal suo libro Le mie stelle nere - da Lucy a Barack Obama ( ADD Editore) pubblicato nel 2013, si è parlato di razzismo e intolleranza dentro e fuori lo sport; di come la storia delle popolazioni africane non inizi con il periodo della schiavitù; dai modi di dire, fallaci, che portano i bambini ad avere paura dei neri; al concetto dello ius soli e più in generale si è posta l'attenzione sull'impegno di Thuram verso il contesto sociale, che lo ha portato anche a scontrarsi nel 2005 con Nicolas Sarkozy. Questo suo impegno, iniziato anni fa ancor da giocatore di calcio, si è ancor più concretizzato quando Thuram ha creato la Fondation Lilian Thuram, Éducation contre le racisme
Da questo dialogo, Lilian Thuram emerge come ex giocatore di calcio 'rivoluzionario' e sui generis, all'interno del mondo del calcio in cui tutti i protagonisti sono quasi tutti omologati.

Lilian Thuram
Esordisce a 19 anni nel Monaco, poi milita nel Parma, nella Juventus e nel Barcellona, club con i quali vince diversi scudetti e coppe.
Con la Nazionale francese vince: Mondiali 1998, Europei 2000, Confederation Cup 2003 e disputa i Mondiali 2002, gli Europei 2004, i Mondiali 2006 e gli Europei 2008. Nel giugno 2008 si ritira dall'attività agonistica.

I libri di Thuram:

Le mie stelle nere - da Lucy a Barack Obama, ADD Editore (2013)
Manifesto per l'uguaglianza, ADD editore (di prossima pubblicazione, marzo 2014)
Nella prima parte del libro Thuram racconta la sua storia, la sua biografia fatta di sport, di battaglie civili, di Guadalupa, Francia ma anche Italia con le sue stagioni con la maglia di Parma e Juventus.
La seconda parte del libro è invece affidata a diversi autori come Tzvetan Todorov e Michel Wieviorka i quali affrontano i temi cari a Thuram e alla sua Fondazione: l’origine della pluralità umana, la lotta all’omofobia, il rapporto tra Paesi ricchi e Paesi poveri, l’integrazione, il dialogo.
 
Brani Brani in onda Pastorale d'ete - Pastorale d'ete. Poeme symphonique - Alexei Ogrintchouk; DIR / L'Orchestre de Chambre de Geneve; ENS Ore 9:38