Per vaccinare il maggior numero di persone si useranno veicoli di ogni genere (Keystone)

Tra vaccini e indecisi

Prende avvio l'offensiva elvetica per alzare la percentuale per convincere chi ancora non si è vaccinato

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Inizia oggi la “settimana di vaccinazione” voluta dalla Confederazione con lo slogan: “Superiamo insieme la pandemia”. L’obiettivo dichiarato è di informare il maggior numero possibile di persone sui vantaggi dell’immunizzazione, per i singoli e per l’intera società.  Intanto dentro e fuori la Svizzera i contagi sono in forte crescita. Preoccupa soprattutto la situazione in Austria e Germania.

Nel momento in cui i morti causati dalla pandemia ha superato quota 5 milioni, l’OMS lancia l’allarme poiché l'Europa è l’epicentro della quarta ondata di coronavirus. Il vaccino resta l’antidoto migliore all’aumento dei casi? L’Italia sembra confermare questa ipotesi; perché allora molte persone non sono ancora convinte? Quali le paure e i timori per “effetti collaterali” che sono scientificamente provati di gran lunga inferiori rispetto al rischio di infezione da coronavirus? Come persuadere gli indecisi, raggiungere con un messaggio coerente e convincente coloro che – pur non dichiarandosi “no vax” – esitano tuttora di fronte alla prospettiva di essere immunizzati?

A Modem ascoltiamo, con attenzione, le voci di chi ha ancora paura del vaccino ma anche di chi non può farselo iniettare per motivi di salute, e dunque beneficerebbe in modo indiretto se altre persone rispondessero all’invito delle autorità a farsi vaccinare.

Cerchiamo anche di fornire alcune risposte con:

  • Giovan Maria Zanini, farmacista cantonale, TI;
  • Christian Garzoni, medico infettivologo;
  • Emiliano Albanese, docente di salute pubblica all’Università della Svizzera italiana (USI).

Collaboratori e corrispondenti della RSI ci portano nelle capitali dei paesi che circondano la Svizzera per guardare alle situazione al di là dei nostri confini.

 

 

Modem su Rete Uno alle 8.20, in replica su Rete Due alle 19.25. Ci trovate anche sul Podcast e sulle app: RSINews e RSIPlay