Dalla Bregaglia a Berna

“Sono fiera di rappresentare il Grigioni italiano”

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Nuova edizione delle Voci del Grigioni italiano dedicata ad un incontro con Anna Giacometti, per ora ancora “solamente” Consigliera Nazionale eletta non avendo ancora prestato giuramento; lo farà lunedì 2 dicembre 2019 all’inizio della sessione d’inverno delle camere federali.

 

Il nome di Anna Giacometti era stato fatto solo dopo che il suo partito aveva già annunciato i primi tre pretendenti ad un posto al Nazionale ed esponenti liberali molto conosciuti. Una comunicazione di parte della lista principale obbligata visto che i tre sembra avessero lasciato intendere di volersi presentare anche in solitaria, senza l'appoggio diretto del partito.

 

Ciò detto, annunciata la candidatura a sorpresa di Anna Giacometti, è iniziata la campagna elettorale che -a detta di molti- non sembrava dovesse portare la sindaca ad ottenere il successo che ha ottenuto. Un successo ottenuto grazie a vari fattori. Per quanto riguarda quello geografico si nota il grande sostegno ottenuto nel Grigioni italiano, ma anche in Engadina dove ad esempio a St. Moritz ha addirittura superato il suo collega di partito, municipale in carica ed ex presidente dei Liberali e del Gran Consiglio Michael Pfäffli. L'aspetto forse più interessante è però che Anna Giacometti ha potuto godere di un forte sostegno dagli elettori che hanno votato senza la scheda senza intestazione di partito da cui è provenuto ben il 22% delle preferenze ottenute, ovvero 1507 voti sui 6932 totali, superando addirittura i voti di lista. A ciò si aggiungono i voti di chi ha scelto altre liste rispetto a quella principale Liberale. Tra i cinque candidati liberali la sindaca di Bregaglia ha ottenuto più voti da quasi tutti i Giovani -Borghesi democratici, popolari democratici, Verdi, Socialisti. Parecchi voti le sono poi arrivati da Borghesi democratici, Socialisti e Verdi.