L’arte del restauro

A colloquio con Marco Somaini

venerdì 05/05/17 19:10
Edizione del 05.05.2017

Docente alla Supsi, da anni guida gli allievi a quella che possiamo definire una vera e propria palestra di restauro, ovvero la chiesa sconsacrata di San Fedele, a Roveredo, a pochi passi dalla chiesa di Sant’Anna, la celebre chiesa della Madonna del ponte chiuso che invece rappresenta un pessimo esempio di incuria. Con Marco Somaini parliamo del cantiere e delle tecniche che vengono insegnate agli allievi come pure dell’evoluzione dell’arte del restauro.

In Bregaglia negli ultimi anni sono stati eseguiti diversi restauri, i più importanti - in termini di costi - alle chiese di Bondo e di Soglio. Lavori rientrati pienamente nei preventivi di spesa. Non così sta andando nel restauro della chiesa di San Gaudenzio, sopra Casaccia, un rudere di stile tardo-gotico, per il cui recupero è stata costituita una fondazione. Convinti che i fondi si sarebbero trovati, i cittadini riuniti in assemblea regionale nel 2008 stanziarono 240'000 franchi, quale contributo al restauro il cui preventivo di spesa ammontava a 1 milione e 370mila franchi. Oggi lievitati a 1'600'000, con lavori interrotti per mancanza di fondi, un Consiglio di Fondazione che non esiste più e due municipali dimissionari. Come tutto questo è potuto succedere, ce lo racconta Silvia Rutigliano.

Anche il paesaggio ha i suoi restauri. Ci sono infatti elementi architettonici che ci sono stati tramandati nei secoli che hanno bisogno di interventi di manutenzione o di ricostruzione. Parliamo dei muri a secco, delle vere e proprie opere ingegneristiche alle quali ora guarda con interesse l’Unesco. La Grecia, infatti, è capofila di una candidatura che annovera tra i partner anche la Svizzera grazie al polo Poschiavo. Antonia Marsetti ha incontrato il direttore del Polo Poschiavo Cassiano Luminati.

Infine vediamo con Stefano Barbusca un esempio riuscito di recupero. In Valtellina un vecchio edificio di campagna è diventato un centro multimediale. L' amministrazione comunale di Piuro ha inaugurato in aprile una struttura innovativa non soltanto nei contenuti, ma anche nelle tecnologie utilizzate per illustrare il territorio ai turisti.

Un'estate con la RSI

Seguici con
Altre puntate