Al-Sarwib

A cura di Marco Kohler

  • Condividi
  • a A

C’è un potere ipnotico nelle forme musicale più ancestrali, una ripetitività che induce uno stato di trance perché, al contrario della musica occidentale, concepita principalmente per piacere e per intrattenere, gli antenati cantavano, ballavano per entrare in connessione con lo spirito, con le divinità, con madre natura e con la terra su cui camminavano.  

“Loin Des Terres” (2021 Creaked Records) è il secondo album del progetto Al-Sarwib, una formazione di Bienne che ha abbracciato le istanze musicali del sud del mondo, in particolare della musica araba. 

È un disco magnifico, ricco e generoso, libero da vincoli radiofonici e commerciali, e che racconta la storia del profugo Louies a caccia di un’identità, sulle tracce della sua mamma, con l’aiuto del mago Alzar.

Ce lo raccontano il chitarrista e cantante Joachim Kaufmann e Fabrice Pittet, batterista e fondatore di Al-Sarwib.