In Svizzera sono in aumento i maltrattamenti e gli abusi sugli anziani: si fa abbastanza per sensibilizzare e per prevenire?

Con Antonio Bolzani

  • Condividi
  • a A

Il 15 giugno si celebra la Giornata mondiale contro gli abusi sugli anziani, giorno scelto nel 2011 dall’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) per sensibilizzare le persone contro ogni tipo di abuso verso le persone anziane. In Svizzera si stima che i maltrattamenti nei confronti degli anziani colpiscano oltre 300'000 persone l’anno e che gli atti di violenza avvengano prevalentemente in ambito domestico e per la maggior parte di casi vengano perpetrati da familiari che si trovano in grandi difficoltà a gestire situazioni difficili. Rispetto alle stime, i casi che vengono alla luce sono purtroppo soltanto una piccola parte. Le statistiche indicano ancora che il numero di abusi e maltrattamenti in Svizzera nei confronti degli anziani è aumentato nel 2021 del 23 per cento. Lo ha segnalato un paio di mesi l'Ufficio indipendente per i reclami degli anziani. I casi notificati alle agenzie specializzate sono meno del 5 per cento e, in questo contesto già precario, la pandemia non è stata d'aiuto. Ciò che accade fra le mura domestiche in tempi di crisi rimane spesso nascosto. L'allentamento delle restrizioni legate al coronavirus ha però nuovamente consentito alle vittime, ai familiari o a terze persone di denunciare gli episodi di angherie. L'anno scorso l'Ufficio indipendente per i reclami degli anziani è stato contattato 604 volte e ha rilevato 382 situazioni di conflitto e 99 di violenza. I maltrattamenti e gli abusi accertati sono stati 53 e interessavano, nella maggior parte dei casi, donne sopra gli 80 anni. I soprusi riscontrati sono spesso di tipo psicologico, fra cui umiliazioni, minacce, carenze affettive, critiche estenuanti, giorni di silenzio e gravi rimproveri. Gli anziani vengono anche spesso trascurati: le situazioni di negligenza sono state 46. Gli esperti e gli addetti ai lavori sottolineano quindi l'importanza di aumentare la consapevolezza e la sensibilità della gente sul tema. Secondo voi bisognerebbe fare di più e parlare maggiormente del tema per prevenire i maltrattamenti, sensibilizzando e informando in modo che sempre più casi vengano segnalati? Occorre promuovere con più iniziative la cultura del buon trattamento verso gli anziani in difficoltà e bisognosi di sostegno, supporti e aiuti affinché l’opinione pubblica sia più consapevole del problema? Hanno ragione coloro che sostengono che gli anziani vengono spesso trascurati?
Ne parliamo oggi a Controcorrente: dite la vostra in diretta allo 0848 03 08 08.