SEIDISERA Magazine

di Michela Daghini

  • Condividi
  • a A

Yasmina Reza ci racconta Serge, il suo nuovo romanzo appena uscito per Adelphi. Il passare del tempo, il ruolo della memoria, costumi consumati e privi di senso. Ma soprattutto le dinamiche relazionali dei Popper, una famiglia tradizionale ebraica. I tre fratelli arriveranno alla resa dei conti in un viaggio, e hanno scelto Auschwitz come meta turistica. Un'altra grande prova di scrittura, con l’ironia corrosiva che caratterizza l’autrice francese.

Uno sguardo sul presente poi, attraverso la filosofia, è quello proposto da Leonardo Caffo nel ciclo di lezioni di Filosofia della Salvezza che si tiene a Milano. Se il modello di salvezza collettiva prodotto dagli anni ’70, dall’occidente, dalle culture postmoderne, sembra fallito, e se il mondo e la vita coincidono, forse salvare la propria vita, dice Caffo, è un primo tentativo di discutere della salvezza del mondo.

La via indicata da Paolo Legrenzi per vivere meglio invece, è quella della sottrazione. E parte dall’amore il nuovo libro dell’insigne psicologo cognitivista, che indica le sottrazioni “buone”, cioè razionali e produttive, e i pericoli insiti in quelle “cattive”, semplicistiche, ingannevoli, e fuorvianti. Pagine che offrono irruzioni continue in ambiti differenti, dalla filosofia, alla fisica, alla biologia, alle neuroscienze senza trascurare la letteratura e il cinema. E per chiudere una riflessione di Lella Costa sul conflitto in Ucraina e l’assurdità della guerra, il suo significato, la sua essenza. Un tema a cui aveva dedicato lo storico spettacolo Stanca di guerra appunto, entrato a far parte della Storia del teatro.