Per il coach biancoblù i due giorni di pausa supplementari sono stati un vantaggio
Per il coach biancoblù i due giorni di pausa supplementari sono stati un vantaggio (Ti-Press)

"Chiudete gli occhi e stringete il bastone"

Luca Cereda sa come il suo Ambrì può uscire dall'astinenza da reti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

di Andrea Torreggiani

I due giorni di pausa in più che il calendario ha riservato all'Ambrì, impegnato solo domenica pomeriggio a Davos, sono stati davvero apprezzati da Luca Cereda. "Avevamo bisogno di poter recuperare energie a livello emotivo - ha spiegato il coach biancoblù - perché da quel punto di vista le prime partite ci sono costate tanto, di più che a livello fisico. All'inizio tutto era nuovo per noi, dalla la pista, allo spogliatoio, fino ai tifosi sugli spalti. Abbiamo vissuto emozioni intensissime e il serbatoio si è svuotato, ma ora abbiamo avuto il tempo di riempirlo. Così come abbiamo avuto il tempo di lavorare su molti aspetti del nostro gioco".

La fortuna va cercata, ma per trovarla dobbiamo essere più cattivi sottoporta Luca Cereda

Da migliorare, in casa HCAP, al momento c'è soprattutto una percentuale realizzativa scesa al 5,83% (la più bassa della National League) dopo gli oltre 175' giocati senza segnare gol. "Ho avuto un allenatore - ha raccontato Cereda - che quando il disco non ne voleva sapere di entrare ci diceva di chiudere gli occhi e di stringere il bastone. Cioè, di dirsi adesso basta e di tirare talmente forte che se il portiere ci avesse messo una mano sarebbe finito in porta con il puck. Adesso dobbiamo metterci questa rabbia, senza però pensare troppo al fatto che abbiamo perso le ultime tre partite e che nelle ultime due non abbiamo segnato".

Due delle tre partite perse le abbiamo giocate abbastanza bene Luca Cereda

In occasione della trasferta nei Grigioni, dove con ogni probabilità in difesa farà il suo debutto stagionale Fischer, Cereda potrebbe presentare delle linee rimaneggiate. Per quanto riguarda l'attacco nell'allenamento odierno, infatti, Heim è stato schierato al centro di Pestoni e McMillan, tra Bürgler e Zwerger è stato provato Kostner e Grassi è stato affiancato da Bianchi e Trisconi. Invariato, invece, il terzetto composto da Kozun, Regin e Kneubuehler. Nessuna novità, invece, per quanto riguarda D'Agostini, il cui rientro continua a non essere previsto prima di novembre.

Terzetti d'attacco: Kozun, Regin, Kneubuehler; Bürgler, Kostner, Zwerger; Pestoni, Heim, McMillan; Trisconi, Grassi, Bianchi; Incir.

Linee di difesa: Fischer, Burren; Hietanen, Hächler; Fora, Isacco Dotti; Fohrler, Zaccheo Dotti.

Portieri: Ciaccio, Conz.

 
Condividi