Alatalo al tiro
Alatalo al tiro (JustPictures)
Losanna
4
Lugano
8
  • 27' Kenins
  • 32' Emmerton
  • 45' Baumgartner
  • 48' Baumgartner
  • 11' Josephs
  • 17' Arcobello
  • 22' Fazzini
  • 25' Arcobello
  • 30' Loeffel
  • 35' Hudacek
  • 42' Herburger
  • 55' Vedova
Tabellino Risultati e classifiche

Il Lugano spadroneggia in casa del Losanna

Il powerplay bianconero fa la differenza con 4 reti, doppietta di Arcobello

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Se è vero che l'appetito vien mangiando, il successo nel derby di ieri deve aver messo una gran fame al Lugano. Protagonisti di un'altra prova convincente sotto tanti punti di vista, in particolare quello del powerplay (a segno nelle prime 3 superiorità numeriche questa sera), i bianconeri hanno sbancato il ghiaccio di Losanna con un roboante 8-4. Grazie a questo weekend da 6 punti, la squadra di McSorley si è risollevata anche in classifica, dove è salita a quota 32 punti scavalcando proprio i vodesi.

Senza l'infortunato Thürkauf (feritosi al polso contro l'Ambrì), sostituito da Bertaggia, e con Fatton a difesa della gabbia, i ticinesi hanno sfruttato la ruggine accumulata dai padroni di casa in questa pausa della Nazionale durata ben 15 giorni per loro. Per sbloccare il risultato i bianconeri hanno però dovuto attendere la metà del primo tempo e la prima occasione con l'uomo in più, sfruttata da Josephs. Con un bel passaggio laterale il canadese ha propiziato anche il raddoppio di capitan Arcobello, che ha così chiuso un digiuno che durava da più di un mese.

Nel periodo centrale è poi iniziata la festa del gol: Fazzini dalla sua mattonella ha concretizzato la terza superiorità numerica per il Lugano, che ha addirittura calato il poker al 24'23" grazie ancora ad Arcobello. Il punto di Kenins è sembrato rianimare un po' la Vaudoise Aréna, ma un incredibile tiro da dietro alla sua linea blu di Loeffel ha sorpreso il giovane Uberti, subentrato a Boltshauser dopo il 4-0. Prima della seconda sirena c'è stato ancora tempo per il botta e risposta tra Emmerton e Hudacek. L'ultimo tempo si è aperto con quello che restava dei 5' più penalità di partita presi da Douay e il powerplay bianconero non si è fatto pregare con Herburger che ha messo dentro la 4a rete in superiorità numerica, sinonimo di 7-2. Di cosmesi o poco più i gol di Almond, Baumgartner e Vedova.

 
 
Condividi