(iStock)

Per un'etica del discorso

Intervista di Letizia Bolzani a Carlo Sini, autore di "Idioma" (Jaca Book)

Il discorso non è qualcosa di accessorio che si aggiunge al pensiero, ma è il luogo in cui tutti noi siamo immersi: non possiamo prescinderne per pensare, per rappresentarci il mondo, per organizzare la vita comunitaria, per relazionarci con gli altri. Il discorso ci traghetta dalla vita istintiva alla vita sociale consapevole. Il discorso muta con il mutare della società, le nuove conoscenze modificano i discorsi, e nessun discorso potrà mai dire, definitivamente, il mondo.

“Il discorso è un labirinto dal quale non puoi uscire, una volta entrato”: scrive il filosofo Carlo Sini nel suo recente saggio Idioma (Jaca Book). E allora, se in quel labirinto gli esseri umani devono stare, varrà la pena di averne “cura”. Varrà la pena di riflettere, insomma, su una possibile etica del discorso, che “rinunci alla contesa e tenti piuttosto l’ascolto”.

Di questo labirinto, o di questa casa comune che chiamiamo il discorso umano, Letizia Bolzani discorre (non possiamo fare altro, appunto!) con Carlo Sini.

Condividi

Correlati