Scrivere la vita, sul corpo, sul muro

documentario di Andrea Canetta

Scrivere la vita, sul corpo, sul muro

Mark è un artista, il suo rimpatrio forzato ha suscitato proteste in Ticino, il doc di Andrea Canetta su Play RSI

Mark è artista, tatuatore e anche autore di Graffiti. Si muove nell’ambito del filone Cyberpunk, movimento che attecchì parecchio nell’Ucraina dove è nato e cresciuto. Era arrivato in Ticino nel 2015 con la sua famiglia, per sfuggire alla guerra che a Mariupol, nella sua città, era già una realtà. Quattro anni dopo, la decisione del rimpatrio forzato per lui e per i suoi genitori aveva suscitato proteste e commozione.

E poi? Cosa ne è stato? Se lo è chiesto il regista Andrea Canetta, che ha seguito il filo di un amore giovane e coraggioso, capace di riportare Mark in Svizzera, in salvo. Non senza cicatrici, naturalmente. Sono i tatuaggi che ha sul corpo, che raccontano la sua storia, così come i graffiti iscritti sui muri che ha scavalcato per cercare la libertà, recano la sua traccia espressiva.

Scrivere la vita, sul corpo, sul muro il documentario di Andrea Canetta disponibile su Play RSI

Storie/La1

Condividi

Correlati