Mondo

L’attentatore di Parigi fedele alla jihad

L’uomo che ha accoltellato un turista tedesco, schedato come ad alto rischio radicalizzazione e già condannato, è figlio di iraniani non musulmani, ma lui si è convertito

  • 3 dicembre 2023, 12:03
  • 3 dicembre 2023, 12:19
La zona dell'attentato nella capitale francese

La zona dell'attentato nella capitale francese

  • keystone
Di: ATS/AFP/ANSA/Swing

Armand Rajabpour-Miyandoab, il francese di 26 anni che ieri, sabato in serata a Parigi ha ucciso un turista tedesco di 24 anni vicino alla Tour Eiffel e ferito altre due persone, è figlio di due genitori iraniani, secondo quanto reso noto dagli inquirenti.

In stato di fermo, l’aggressore - che è schedato S (ad alto rischio radicalizzazione) - ha detto ai poliziotti di “non poter sopportare più che i musulmani muoiano, in Afghanistan come in Palestina” e avrebbe dichiarato la sua rabbia “per quello che succede a Gaza”, affermando che la Francia “è complice di quello che fa Israele”.

Secondo la ricostruzione del ministro Gérald Darmanin, l’uomo ha ucciso “a coltellate” il giovane tedesco e poi “se l’è presa con la compagna” che si è salvata soltanto “grazie a un tassista che aveva visto la scena”.

Armand Rajabpour-Miyandoab, che viveva con i genitori in una banlieue residenziale di Parigi, aveva pubblicato sui social un video di rivendicazione del suo attacco immediatamente prima di passare all’azione. Vi compare con una felpa e un cappuccio nero e una mascherina chirurgica davanti al viso.

Dichiara la sua fedeltà alla jihad e parla “dell’attualità, del governo, dell’uccisione di musulmani innocenti”, dice una fonte degli inquirenti. I genitori iraniani avevano lasciato l’Iran per sfuggire al regime dei mullah e non sono musulmani. Da giovanissimo, Armand si era invece convertito all’islam in Francia, dopo essere stato a contatto di un personaggio molto noto all’ambiente del jihadismo, Maximilien Thibaut, partito a combattere in Iraq e in Siria.

Nel 2016 era stato accusato di preparare un attacco violento e, dopo la condanna, aveva scontato quattro anni di carcere. L’uomo era inoltre in terapia psichiatrica.

Notiziario 11.00 del 3.12.2023

RSI Mondo 03.12.2023, 11:26

Correlati