2022-09-21T084414Z_1104246494_RC2JLW96LCMP_RTRMADP_3_UKRAINE-CRISIS-PUTIN-MOBILISATION.JPG
La mobilitazione coinvolgerebbe 300’000 riservisti (Reuters)
Momenti chiave

Mosca verso l'escalation in Ucraina

La mobilitazione parziale dichiarata da Putin, che minaccia anche il ricorso alle armi nucleari, apre la strada a nuove e inquietanti prospettive per il conflitto in Ucraina
Ultimo aggiornamento mercoledì 21 settembre 2022 17:05

La Russia, che da tempo appare in serie difficoltà nella conduzione della sua offensiva in Ucraina, ha così deciso di giocare la carta di una "mobilitazione parziale" per imprimere a suo favore una svolta nel conflitto.

La decisione, ufficializzata da Vladimir Putin con la firma di un apposito decreto e con un annuncio televisivo alla nazione, implica il richiamo dei militari della riserva e apre di fatto la strada ad una escalation del conflitto in Ucraina. E il capo del Cremlino, nel suo videomessaggio, ha usato toni ancora più minacciosi: la Russia, ha dichiarato, è ora pronta a ricorrere a "tutti i suoi mezzi di difesa", compresi quelli nucleari, per "proteggersi". "Non è un bluff", ha ammonito il presidente russo, dopo aver accusato l'Occidente di voler "distruggere" il suo Paese.

L'obiettivo di Mosca in Ucraina rimane "la liberazione di tutto il Donbass", ha sottolineato Putin, parlando in questo senso di un proposito "irremovibile".

RSI News

21.09.2022 ore 17:05
Fermi in Russia per proteste contro mobilitazione

Una settantina di persone è stata fermata in manifestazioni contro la mobilitazione parziale in Russia, svoltesi in diverse città del Paese. I raduni, ai quali partecipano in media alcune decine di persone, sono iniziate in alcune città dell’Estremo oriente e si sono estese alle regioni occidentali, compresa Mosca. Nella capitale sono stati finora segnalati due fermi.

21.09.2022 ore 16:41
Cassis tiene aperta la via del dialogo

Ignazio Cassis, in vista del suo incontro con il il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, si è detto convinto che la Russia prima o poi avrà bisogno di un interlocutore, e che la Svizzera resta uno dei Paesi più adatti per intavolare un dialogo tra le parti in conflitto.

"La Russia avrà bisogno di un interlocutore"

Ignazio Cassis si prepara a incontrare Sergei Lavrov e si dice convinto che la Svizzera resti uno dei Paesi più attrattivi per avviare un dialogo tra Russia e Ucraina

21.09.2022 ore 15:40
Stoltenberg: ”Retorica di Putin pericolosa”

Il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, ha definito “pericoloso e avventato” il discorso di Vladimir Putin con la minaccia di usare le armi nucleari. Secondo Stoltenberg il discorso dimostra comunque che la guerra non sta andando secondo i piani del Cremlino. La NATO, ha assicurato, è pronta a impegnarsi sul lungo periodo per fare fronte alle minacce di Mosca, ma gli arsenali dell’alleanza devono rifornirsi dopo l’impegno senza precedenti a favore dell’Ucraina. Sono quindi in corso negoziati con l’industria bellica per aumentare la produzione di armi e munizioni.

21.09.2022 ore 15:13
Zelensky non crede a minaccia atomica

“Non credo che userà queste armi. Non credo che il mondo gli consentirà di impiegarle”, ha dichiarato Volodymyr Zelensky, in un’intervista alla Bild, rispondendo a una domanda sulla minaccia di Putin di ricorrere anche alle armi nucleari. Il presidente dell’Ucraina non esclude però completamente una simile prospettiva: “Non possiamo leggere nella testa di questa gente. Ci sono dei rischi”, ha quindi aggiunto. Per Zelensky, non si può comunque cedere ai ricatti russi: “Domani Putin può dire: vogliamo oltre all’Ucraina anche una parte della Polonia, altrimenti useremo le armi nucleari. Non possiamo stare a questi ricatti”.

Durante la sua visita nella regione di Kharkiv, il presidente ucraino ha promesso ai suoi cittadini la vittoria contro la Russia. Nel frattempo, la sua città natale rischiava di essere inondata a causa di un attacco russo alle infrastrutture idriche.

21.09.2022 ore 14:46
Scholz: "È un atto di disperazione"

Olaf Scholz ha definito come “un atto di disperazione” la decisione di Putin di mobilitare parzialmente i riservisti russi per combattere in Ucraina, e di indire referendum nei territori nell’est del Paese. Il capo del Cremlino “sta solo peggiorando le cose. Fin dall’inizio ha sottovalutato completamente la situazione e la volontà di resistenza degli ucraini”, ha dichiarato il cancelliere tedesco in una breve dichiarazione in margine all’Assemblea generale dell’ONU a New York.

21.09.2022 ore 14:13
USA: "Ci aspettavamo il richiamo dei riservisti"

“Il discorso di Putin è chiaramente un segno che è in difficoltà”, ha dichiarato ad ABC News John Kirby, portavoce del Consiglio per la sicurezza nazionale USA, sottolineando che le forze armate russe sono in crisi soprattutto “nel nord e nell’est” dell’Ucraina. “Ci aspettavamo il richiamo dei riservisti, Putin sta facendo combattere anche i soldati feriti”, ha aggiunto Kirby.

21.09.2022 ore 13:53
Corsa all'acquisto di biglietti aerei per lasciare la Russia

Dopo l’annuncio di Vladimir Putin sulla parziale mobilitazione per rafforzare le truppe russe in Ucraina, si sta verificando una corsa sui siti web delle compagnie aeree per cercare di acquistare dei biglietti per lasciare la Russia il più rapidamente possibile. Secondo Google Trends, in Russia la ricerca delle parole “biglietti” e “aereo” sono più che raddoppiate da stamani - quando è stato diffuso il discorso televisivo del presidente russo. Stando al Ministero della Difesa, la mobilitazione coinvolgerebbe un totale di 300’000 riservisti.

Secondo Aviasales, il sito più popolare in Russia per l’acquisto di biglietti aerei, i voli da Mosca verso Georgia, Turchia e Armenia sono andati esauriti dopo pochi minuti dall’annuncio di Putin.

21.09.2022 ore 13:35
Russia, Vesna invita a dimostrare contro la mobilitazione

Il movimento russo Vesna, che si pronuncia contro la guerra in Ucraina nonostante i rischi di incarcerazioni, ha esortato i russi a manifestare nelle strade contro la mobilitazione di 300’000 riservisti annunciata stamani da Vladimir Putin in funzione della guerra in Ucraina. “Questo significa che migliaia di uomini russi - i nostri padri, fratelli e mariti - saranno gettati nel tritacarne della guerra”, ha dichiarato il gruppo di attivisti, sottolineando che ora “la guerra è entrata in ogni casa e in ogni famiglia”.

21.09.2022 ore 13:21
Le regole della guerra in Ucraina sono cambiate

L’analisi della situazione di Pietro Batacchi, direttore della Rivista italiana difesa.

"Le regole della guerra sono cambiate"

L'analisi della situazione dopo l'annuncio della mobilitazione parziale della Russia: "La minaccia nucleare è credibile e concreta"

21.09.2022 ore 13:19
UE: "Un nuovo segnale dello smarrimento" di Putin

La mobilitazione dei riservisti annunciata oggi da Putin mostra la volontà del presidente russo di continuare la “escalation” della guerra contro l’Ucraina ed è un “nuovo segno del suo smarrimento”, ha dichiarato poco fa Peter Stano, portavoce dell’Alto rappresentante per la politica estera dell’UE Josep Borrell.

21.09.2022 ore 12:59
L’economia russa verso un inverno difficile

La decisione di Vladimir Putin di dichiarare la mobilitazione parziale fa parte della corsa contro il tempo prima che la situazione economica russa precipiti, secondo Sergiei Guriev, ex rettore dell’Università economica di Mosca ed ex consulente del Governo.

Un inverno difficile per l’economia russa

Secondo un ex consulente del Cremlino Putin è in corsa contro il tempo prima di vedere prosciugarsi le risorse finanziarie

21.09.2022 ore 12:39
L’UE lavora a una risposta comune

Gli Stati membri dell’Unione Europea stanno discutendo un’azione comune in risposta agli ultimi sviluppi dell’invasione russa dell’Ucraina. Sul tavolo, secondo quanto comunicato dal portavoce della Commissione europea, ci sono i crimini commessi, i referendum annunciati e le nuove scoperte di fosse comuni.

21.09.2022 ore 12:16
Lituania: forza di reazione rapida in stato di allerta

La Lituania ha messo in stato di massima allerta la forza di reazione rapida del suo esercito per prevenire qualsiasi provocazione da parte della Russia. Lo ha annunciato dal ministro della Difesa, che ha sottolineato come la mobilitazione parziale annunciata sarà messa in atto anche nella regione di Kaliningrad, confinante con la Lituania.

Le autorità del Paese hanno anche annunciato che non offriranno rifugio ai russi in fuga dalla mobilitazione.

21.09.2022 ore 12:09
Le prime unità russe andranno a “difendere i confini”

Con la mobilitazione dei riservisti russi saranno innanzitutto formate nuove unità che avranno il compito di “difendere i confini” con l’Ucraina e creare nel territorio russo vicino alla frontiera “una profondità tattica” a sostegno delle forze impegnate nelle operazioni in Ucraina. Lo ha detto Andrei Kartapolov, presidente della Commissione difesa della Duma, la Camera bassa del parlamento russo.

21.09.2022 ore 11:40
"Verso un' enorme tragedia", denuncia Navalny

La mobilitazione parziale delle forze armate annunciata da Putin condurrà ad “una enorme tragedia e ad un numero enorme di morti”, ha dichiarato Alexei Navalny in un video registrato a margine di uno dei vari processi a cui è sottoposto il noto dissidente russo.

21.09.2022 ore 11:21
Meloni: il discorso di Putin mostra "grandissima difficoltà e debolezza"

Per Giorgia Meloni il discorso pronunciato stamani da Vladimir Putin “tradisce una grandissima difficoltà, debolezza”. Secondo la leader di Fratelli d’Italia, e grande favorita dai sondaggi in vista delle elezioni legislative italiane del prossimo 25 settembre, si tratta di “una mossa abbastanza disperata che precede due azioni, il referendum farsa per annettere i territori ucraini occupati e la mobilitazione parziale, con cui cercherà di mandare a morire le minoranze e i disperati”, ha dichiarato in un’intervista radiofonica.

21.09.2022 ore 10:55
Spagna, in prospettiva "un inverno complicato"

La mobilitazione parziale decisa da Putin rappresenta una “notizia drammatica, che conferma che questa è una guerra lunga e crudele, enormemente ingiusta e dura” sia per gli ucraini sia per i “cittadini russi forzati alla chiamata alle armi”. Così ha dichiarato la vicepremier spagnola Teresa Ribera, secondo cui l’annuncio del capo del Cremlino “fa presagire un inverno complicato”.

21.09.2022 ore 10:44
Appello al dialogo da parte della Cina

Il Ministero degli esteri cinese, in seguito all’annuncio della mobilitazione parziale russa, ha lanciato un appello a un dialogo a tutte le parti coinvolte nella guerra in modo da trovare una soluzione pacifica al conflitto.

21.09.2022 ore 10:18
Regno Unito: "L'invasione sta fallendo"

Per il Governo del Regno Unito, il discorso pronunciato stamani da Vladimir Putin mostra che l’invasione russa dell’Ucraina “sta fallendo”. È quanto afferma il ministro della difesa britannico Ben Wallace. “Nessuna quantità di minacce o propaganda può nascondere il fatto che l’Ucraina sta vincendo questa guerra, che la comunità internazionale è unita e che la Russia sta diventando un’emarginata globale”, ha dichiarato.

21.09.2022 ore 10:03
Petrolio, la decisione di Putin fa impennare il prezzo

Cresce in misura considerevole il prezzo del petrolio, con il Wti e il Brent che salgono di circa il 3%, rispettivamente, a 86,4 a 93,4 dollari al barile. A far impennare le quotazioni del greggio è stata la mobilitazione parziale delle forze armate russe decisa da Putin: essa pone le premesse per una escalation del conflitto in Ucraina, con il rischio di nuove turbolenze sulle forniture globali di energia.

21.09.2022 ore 09:31
Stati Uniti: “Un segnale del fallimento russo”

L’annuncio del Cremlino della mobilitazione parziale e dei referendum sull’annessione dei territori occupati in Ucraina sono un segnale “della debolezza e del fallimento russo”, secondo l’ambasciatrice statunitense a Kiev, Bridget Brink, che su Twitter ha assicurato il sostegno di Washington al Paese invaso per tutto il tempo necessario.

21.09.2022 ore 09:25
Mosca, l'annuncio di Putin affonda la borsa

Nuovo crollo della borsa di Mosca dopo l’annuncio della mobilitazione parziale delle forze armate decisa da Vladimir Putin. L’indice Moex, che ieri aveva perso l’8,8%, è sprofondato stamani fino a un massimo del 9,6% in avvio di contrattazione, per poi recuperare un po’ di terreno e contenere le perdite al 5,4%.

21.09.2022 ore 09:13
La Germania condanna l’escalation e studia una risposta

La mobilitazione parziale ordinata dalla Russia viene condannata dal Governo tedesco, che studia come rispondere a questa mossa, come dichiarato dal vicecancelliere Robert Habeck, secondo cui il conflitto, in questo modo, ha fatto un nuovo passo in una direzione sbagliata e pericolosa.

21.09.2022 ore 09:10
Per l'Ucraina la mossa di Putin è un "passo prevedibile"

La mobilitazione della Russia è stata un passo prevedibile, che si rivelerà estremamente impopolare e che evidenzia che la guerra non sta andando secondo i piani di Mosca. È quanto ha affermato dopo l’annuncio di Putin il consigliere della presidenza ucraina Mykhailo Podolyak. Il capo del Cremlino, sottolinea Podolyak, sta cercando di scaricare le sue responsabilità per aver iniziato una “guerra non provocata” e per la crisi in cui è precipitata l’economia della Russia.

21.09.2022 ore 09:02
Russia, i termini della "mobilitazione parziale"

La “mobilitazione parziale” delle forze armate in vigore da oggi. mercoledì, concerne unicamente gli uomini già al beneficio di un’esperienza militare, e non i coscritti e gli studenti. È quanto ha precisato poco fa il ministro della difesa russo Serghei Choigou, aggiungendo che la Russia potrà avvalersi di una riserva di 300’000 effettivi che sarà formata prima di essere destinata ai combattimenti.

21.09.2022 ore 08:57
Putin: "Fermare chi cerca il dominio mondiale"

“E’ nostra tradizione storica e destino del nostro popolo fermare coloro che cercano il dominio mondiale, che minacciano di smembrare e rendere schiava la madrepatria. E’ quello che stiamo facendo ora, e credo nel vostro sostegno”. Così il presidente russo Vladimir Putin ha concluso il suo discorso televisivo alla nazione, con cui ha annunciato la mobilitazione parziale delle forze armate, in funzione dell’invasione dell’Ucraina.

Nella sua allocuzione Putin ha dichiarato di sostenere i referendum annessionistici che saranno organizzati nei territori dell’Ucraina occupati, e in particolare nel Donbass. Putin ha in questo senso parlato di un “dovere morale” per proteggere gli abitanti di queste regioni da coloro che definisce come i “neonazisti” al potere a Kiev.

21.09.2022 ore 08:55
Referendum annessionistici nel Donbass: il "no" del mondo

Le iniziative russe condannate dai leader internazionali all’Assemblea generale dell’ONU

Il mondo boccia i referendum d'annessione

All'Assemblea generale dell'ONU molti leader occidentali criticano il voto per l'annessione di territori ucraini voluto da Mosca. Altri crimini russi contro i civili nel Donbass

21.09.2022 ore 08:53
Mobilitazione parziale delle forze armate russe

Putin ha firmato un apposito decreto, dopo una proposta in questo senso del ministero della difesa.

Putin proclama la "mobilitazione parziale"

Contro l'Ucraina il capo del Cremlino dispone il richiamo dei militari della riserva. La Russia pronta a utilizzare "tutti i suoi mezzi" per "proteggersi"