Anonymous: chi è e cosa fa

Il gruppo hacker che ha dichiarato guerra al Governo russo è un movimento globale decentralizzato che combatte in ambito digitale da quasi 20 anni contro le ingiustizie e le violenze

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il conflitto appena iniziato tra Russia e Ucraina si sta combattendo su più fronti, anche su quello digitale. A dichiarare "cyber war" (guerra cibernetica) sabato al Governo russo è stato il gruppo di hacker Anonymous tramite un tweet.

 

Negli scorsi giorni in Russia sono risultati inaccessibili diversi siti governativi e le trasmissioni televisive locali, dopo la censura applicata dal presidente Vladimir Putin, trasmettono le immagini della guerra in Ucraina, le vittime e il dolore.

 

Oggi, lunedì, il gruppo di hacker ha rivendicato un altro attacco hacker, questa volta contro le ferrovie bielorusse affermando che "tutti i servizi sono fuori uso e resteranno disattivati finché le forze russe non lasceranno il territorio della Bielorussia". Inoltre nel Paese sono stati bloccati i siti web delle banche.

 

Ma chi è Anonymous?

Anonymous nasce nel 2003 e deriva dal nickname che veniva dato all’interno del 4chan, sito imageboard (di pubblicazione e discussione di immagini) dedicato a anime e manga, per identificare gli utenti non registrati che commentavano i post. Il collettivo è quindi nato dalla pubblicazione anonima sul web per poi diventare un vero e proprio movimento che si batte contro ingiustizie e violenze.

In un comunicato pubblicato su Twitter, il gruppo di hacker si descrive come un progetto di collaborazione tra attivisti di diversi Paesi appartenenti alla classe operaia, composto da idee e opinioni politiche differenti, che ha come principi di base la libertà di informazione, la libertà di parola e la divulgazione della verità.

Anonymous lavora nel campo dell'hacktivism (attivismo hacker), attaccando Governi, aziende ed istituzioni e pubblicando, in particolare, documenti ingiustamente secretati.

L'uso della maschera di Guy Fawkes

Il simbolo di Anonymous è una delle maschere più vendute su Amazon, quella che riproduce il volto di Guy Fawkes, il cospiratore inglese del 17esimo secolo, indossata dal protagonista della graphic novel e del film "V per Vendetta".

La maschera di Guy Fawkes simbolo di Anonymous
La maschera di Guy Fawkes simbolo di Anonymous (Keystone)

Questo travestimento venne utilizzato dal gruppo di Anonymous per la prima volta nel 2008, quando centinaia di membri decisero di scendere in strada per denunciare gli abusi della chiesa di Scientology. Gli hacker rimasero in silenzio, a centinaia, col volto coperto. La maschera di Guy Fawkes è così diventata un simbolo di potreste contro l'autoritarismo.

Le azioni più importanti rivendicate

Nel corso dei suoi quasi 20 anni di esistenza il collettivo ha operato su piano internazionale. Oltre all’attacco hacker nei confronti del Governo russo, Anonymous ha svolto diverse azioni in passato. Tra le più importanti si ricordano l'atto di protesta contro la chiesa di Scientology nel 2008, con il rilascio di documenti sensibili e il blocco dei siti della chiesa con attacchi per sovraccaricarli.

Famosa anche l'operazione Ku Klux Klan nel 2015, dove resero pubbliche le identità di 1'000 membri appartenenti a diverse organizzazioni segrete statunitensi con finalità politiche e terroristiche a contenuti razzisti. Diversi attacchi sono stati anche lanciati contro lo Stato Islamico (ISIS), prendendo il controllo e bloccando quasi 100 account Twitter in risposta all'attentato alla sede di Charlie Hebdo a Parigi.

Gis
Condividi