Di territorio e molto altro ancora

Domenica alle urne: l'iniziativa federale sugli insediamenti, ma anche le votazioni in programma in Ticino e in altri cantoni

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Primo appuntamento alle urne del 2019: se non avete già votato per corrispondenza, queste sono le ultime ore utili per recarvi agli uffici elettorali dei vostri comuni. Si vota, ricordiamo, sull'iniziativa federale "Contro la dispersione degli insediamenti". In Ticino, inoltre, gli elettori sono chiamati alle urne per esprimersi su 4 modifiche della Costituzione cantonale concernenti i seguenti temi: diritti politici dei ticinesi all'estero, termini per la raccolta di firme legate all'esercizio dei diritti popolari, progetti con varianti per le revisioni parziali della Costituzione cantonale, voto popolare in caso di iniziative popolari legislative.

Ancora in Ticino si designano i giudici di pace, e i giudici di pace supplenti, in funzione del periodo 2019-2029. In ciascuno dei 38 circoli del cantone si procede alle elezioni col sistema maggioritario.

Fusione degli ospedali cantonali: il progetto su cui sono chiamati a esprimersi i votanti di Basilea città e di Basilea campagna
Fusione degli ospedali cantonali: il progetto su cui sono chiamati a esprimersi i votanti di Basilea città e di Basilea campagna (keystone)

In grande evidenza oggi anche le consultazioni in programma in alcuni cantoni. Gli elettori di Basilea città e Basilea campagna si pronunciano oggi sulla possibile fusione dei rispettivi ospedali cantonali. È la prospettiva delineata da uno dei due accordi intercantonali che passano all’esame dei votanti, e che dovranno entrambi essere approvati per la riuscita del progetto. Le opposizioni al medesimo, che se venisse accettato sancirebbe una “prima” in Svizzera, sono segnatamente legate a due aspetti: i timori per possibili soppressioni di impieghi e la riduzione dei posti-letto che la fusione implicherebbe.

Fra gli oggetti al vaglio degli elettori del canton Zurigo, spicca senz’altro una revisione di legge volta a privatizzare parzialmente la distribuzione dell’acqua potabile. Il progetto, approvato di stretta misura dal Parlamento cantonale, consentirebbe in particolare ai privati di detenere fino al 49% del capitale delle aziende distributrici. A favore della modifica legislativa è lo schieramento di centrodestra che riunisce UDC, PLR e PPD. Netta l’opposizione della sinistra, che ha promosso con successo un referendum, denunciando insidie per una risorsa, l’acqua, che dovrebbe restare in mano pubblica.

Due oggetti sono sottoposti oggi agli elettori bernesi: fra questi, anche la nuova legge sulla polizia
Due oggetti sono sottoposti oggi agli elettori bernesi: fra questi, anche la nuova legge sulla polizia (srf)

Al centro di referendum sono anche, nel canton Berna, le revisioni che concernono la legge sull’energia e quella sulla polizia. Contro la prima normativa - volta a limitare sensibilmente il ricorso al riscaldamento a nafta o a gas negli edifici - si è schierato un comitato che qualifica la legge come un primo passo verso un divieto totale di queste modalità di riscaldamento. Contro la seconda, che estende i margini d’azione per le forze dell’ordine, ha invece preso posizione la sinistra. Controversa è in particolare una norma che consentirebbe alla polizia di allontanare persone che si insediano, senza autorizzazione, su terreni privati o di collettività. I referendisti la denunciano come una misura apertamente discriminatoria nei confronti dei nomadi.

Giornata di elezioni, quindi, ad Appenzello Esterno. Nel semicantone si procede oggi al rinnovo dell’Esecutivo, finora composto da due liberali-radicali, un democentrista, un socialista e un indipendente. Due dei 5 ministri uscenti (l'esponente del PS e quello dell'UDC) non si ripresentano agli elettori. Un eventuale secondo turno si terrà il prossimo 17 marzo, quando si rinnoverà anche il Legislativo cantonale.

Svizzera italiana e votazioni a livello locale: Cademario e la revoca del Municipio
Svizzera italiana e votazioni a livello locale: Cademario e la revoca del Municipio (cademario.ch)

Consultazioni a livello locale sono infine previste anche in alcune località della Svizzera italiana. A Cademario si voterà per la revoca del Municipio: il ricorso alle urne fa seguito, ricordiamo, ad una raccolta di firme riuscita lo scorso dicembre. A Grono si vota invece per scegliere una delle due varianti proposte per lo stemma del nuovo comune sorto dopo l’aggregazione con Leggia e Verdabbio.

Un’altra intensa domenica alle urne, che potrete seguire come sempre attraverso i vettori della RSI. A partire dalle 12.00 risultati in tempo reale, reazioni e commenti sul web, in televisione, alla radio e sulle pagine di Teletext.

Alex Ricordi

 
 

L'iniziativa perde quota

L'iniziativa perde quota

TG 20 di mercoledì 30.01.2019

Condividi