I ticinesi della valle di Marin (2)

L'emigrazione di centinaia di famiglie che dal Ticino raggiunsero il West a metà del 1800 raccontata in un libro da Sheri Ritchlin

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"C'è la quintessenza dello spirito americano nelle storie di queste famiglie ticinesi giunte nella contea di Marin a metà dell'800". Sheri Ritchlin, che la contea di Marin la visitò per caso nel 1972, riassume così il frutto delle sue ricerche che, da marzo di quest'anno, è raccolto nel libro: “A Farm in Marin”.

"Se pensate che Carlo Martinoia, di Cevio, arrivato qui nel West poverissimo, senza conoscere la lingua del posto, dopo essersi fatto raggiungere dalla donna che aveva sempre amato e aver messo su famiglia - racconta Sheri Richtlin - aprì un laboratorio caseario, comprò un ranch e... su su arrivò ad essere il presidente della Petaluna National Bank, capirete perché sono rimasta incantata nel seguire le storie di queste famiglie". “Queste famiglie sono state in grado di arrivare senza niente nell'angolo più sperduto d'America . Vi hanno creato un'attività produttiva tra le più importanti del Paese – prosegue Sheri – . Nelle loro storie e nei loro sacrifici c'è il senso stesso del sogno americano”.

Riccardo Ferraris

Condividi