Il mito della caverna

Le Alpi svizzere sono state sede di segreti militari. Oggi ospitano miliardi di dati informatici - Il reportage

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Le viscere delle Alpi svizzere per decenni hanno custodito segreti militari che hanno avvolto di mistero quelle porte d’acciaio che indicavano l’entrata di fortini e depositi. Oggi quelle caverne sono diventate i luoghi dove vengono custoditi altri segreti: i dati informatici.

Uno di questi bunker è Swiss Fort Knox, il più grande della Svizzera di proprietà della Mount10 di Zugo. E noi ci siamo entrati.

I dati sono il nuovo oro, e il futuro di molte aziende dipende dalla capacità di proteggere le proprie informazioni sensibili. Hanno la stessa importanza dei soldi e oggi la Svizzera è diventata un punto di riferimento mondiale in questo settore.

Stabilità, affidabilità unite ad un’innata propensione alla discrezione fanno del nostro paese uno dei più appetiti per depositare segreti industriali o documenti confidenziali, di aziende ma anche istituzioni, come la Confederazione.

Una volta erano le banche, oggi sono le montagne. La Svizzera si rinnova, mantenendo tutto invariato.

Marzio Minoli/Mattia Pacella/Paride Dedini
Condividi