In Ticino, sul terreno dell'economia

Il BAK di Basilea e l’apertura di una sua antenna nella Svizzera italiana: l’analisi economica nel segno della regionalità

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

In un contesto economico segnato, non di rado, da turbolenze e insidie, le analisi e le previsioni degli istituti d’analisi appaiono sempre più preziose. In Svizzera uno fra i centri di ricerca più noti è certamente il BAK, che proprio quest’anno taglia il traguardo dei 40 anni di attività nello studio dell’economia svizzera.

La copertina di uno studio elaborato dal BAK sulle dinamiche dell'economia ticinese. L'istituto compie nel 2020 quarant'anni di attività
La copertina di uno studio elaborato dal BAK sulle dinamiche dell'economia ticinese. L'istituto compie nel 2020 quarant'anni di attività (BAK Economics)

Quarant’anni scanditi anche da uno slancio verso la regionalità. Nato e sviluppatosi a Basilea, il BAK ha infatti aperto una sua diramazione a Zurigo, una da alcuni mesi nella Svizzera italiana, e punta a essere direttamente presente anche in Romandia.

Quali le ragioni di una scelta che, se vogliamo, può almeno in parte apparire in controtendenza con la gestione delle relazioni nell’era digitale? Essenzialmente la ricerca di un approccio più mirato agli attori e alle specificità delle economie regionali, sottolinea Cassia Casagrande, direttrice della sede dell’istituto recentemente aperta nelle vicinanze di Lugano.

Cassia Casagrande è la responsabile della nuova antenna aperta dal BAK in Ticino
Cassia Casagrande è la responsabile della nuova antenna aperta dal BAK in Ticino (rsi)

Nella Svizzera italiana l’attenzione del BAK si focalizza in particolare sul dinamismo di alcuni comparti produttivi di punta, giudicato elevato, come pure su note criticità, specie sul mercato del lavoro, che implicano analisi più approfondite.

Ma come si consoliderà, magari già nell’immediato futuro, l’attività di questa “antenna”? L’istituto, risponde Casagrande, intende anche profilarsi, forte del suo ruolo di attore neutrale, nella elaborazione di dati volti a facilitare progetti e sinergie sul terreno dell’economia. In predicato vi è inoltre la promozione di un forum destinato al confronto di opinioni sui temi dello sviluppo territoriale. Sempre nel segno dell'attenzione alla regionalità.

Alex Ricordi

Condividi