In viaggio con Jek

Il locarnese Jonathan Duca, dopo un gravissimo incidente, ha iniziato a combattere la malattia viaggiando in compagnia del suo gatto

Jonathan Duca è un 25enne di Locarno. Dopo un gravissimo incidente in auto in Vallemaggia, che gli è costato 18 operazioni alla testa e a varie parti del corpo, ha deciso di combattere la malattia - dei forti mal di testa che gli hanno causato una profonda depressione - viaggiando. Prima da solo, nel deserto, in Marocco. Poi in compagnia del suo gatto Jek.

 

"Viaggiare è una terapia che mi aiuta molto. E farlo con Jek è davvero speciale perché a volte è meglio anche di una persona", spiega Jonathan.

Svizzera, Italia, Francia: chilometri su chilometri di giorno. E di notte dormono assieme nella tenda che Jonathan monta sopra il tetto del fuoristrada.

Le loro avventure poi sono documentate su Instagram e su Facebook, dove Jek sta piano piano diventando una "piccola star", racconta ancora.

"Presto partiremo per la Corsica, ma prima devo fare qualche lavoretto al mio Toyota", dice. "E il mio grande sogno - conclude - è il Sud America: il Cile, la Bolivia...".

Joe Pieracci
Condividi