(©Ruben Lagattolla)

La luce dopo il tifone Haiyan

"Liter of light": dalle Filippine al resto del mondo l'illuminazione ecosostenibile in una bottiglia con acqua e candeggina (1)

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Quattro storie per raccontare le Filippine di oggi attraverso l'attualità. Storie di persone che cercano di cambiare le cose, storie di gente semplice, di sfollati e di imprenditori, di pescatori e sognatori. Per raccontare le Filippine e le sue contraddizioni, le sue bellezze e le sue diversità quattro storie non bastano, ma sicuramente possono farci vedere in parte un Paese poco conosciuto in Europa.

La prima storia (le altre seguiranno i prossimi lunedì) è quella di Illac Diaz, un uomo che - rispetto a molti altri suoi connazionali - ha potuto studiare e laurearsi. Proveniente da una famiglia agiata (nipote di Gloria Diaz, la prima filippina a diventare Miss Universo nel 1969), Illac è stato anche attore e modello. Con una laurea conseguita a Manila e un master al Mit di Boston ha deciso però di condividere le sue idee e la sua fortuna mettendosi al servizio dei più poveri. È così che tra i diversi progetti messi in piedi da Illac per aiutare i più sfortunati nasce 'Liter of Light'. Un progetto nato nelle Filippine, dopo il tifone Haiyan del 2013, ma che, in breve tempo, ha visto sviluppare progetti in tutto il mondo: dall'Africa all'Asia fino all'America Latina. Un progetto ecosostenibile per portare l'illuminazione negli angoli più bui del pianeta.

Cristiano Tinazzi

*Le Filippine, oggi, viste da NouvoRSI:

Condividi