Il pericolo di frane e detriti

Il Quotidiano di mercoledì 22.09.2021

La natura che mette in pericolo (3)

Prosegue la serie RSINews e Il Quotidiano dedicata ai pericoli naturali in Ticino – Nella terza puntata: le frane, il loro monitoraggio e la premunizione

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Lo abbiamo visto in questa estate 2021, i pericoli naturali in Ticino sono sempre un tema caldo, e lo saranno probabilmente sempre più visto l’intensificarsi degli eventi dovuti al cambiamento climatico.

Nella terza puntata della serie RSINews e il Quotidiano dedicata ai pericoli naturali parleremo di frane, caratterizzando i diversi fenomeni: dagli scivolamenti e dalle colate detritiche, passando per i crolli di roccia per arrivare a quelle più temute e spettacolari, le grandi frane oggetto di monitoraggio costante.

 

In un viaggio che ci porterà da Bissone, alle pendici del San Salvatore per concludersi sulla Cima del Simano, in Valle di Blenio, scopriremo cosa sono le frane e come il canton Ticino le gestisce e le previene. Ad accompagnarci il geologo cantonale Andrea Pedrazzini e il responsabile dei monitoraggi Mattia Soldati, entrambi della Sezione forestale del Dipartimento del territorio.

Guarda il reportage del Quotidiano in testa all'articolo e/o la versione web all'interno.

Appuntamento a ottobre per la quarta puntata.

Le principali frane monitorate in Ticino                                                                                                                                                                                                                               Vallemaggia: frana di Campo Vallemaggia (stabilizzata con un cunicolo di drenaggio), la frana di Cerentino - Leventina: frana del Sasso Rosso, la frana di Faido e tutta la Val Canaria - Valle di Blenio: il settore della Cima del Simano e la frana sopra Loderio

Dario Lanfranconi
Condividi