La rivoluzione dei "consum-attori"

A Isola del Piano, dov'è nata l'agricoltura biologica, c'è spazio anche per la presa di coscienza del proprio ruolo di cittadini responsabili

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L’Italia si appresta ad adottare una legge sul biologico, ma, nel contempo, le agromafie tendono a voler controllare tutto: dal campo al piatto. Esiccome esiste un nesso strettissimo tra alimentazione e legalità e noi siamo andati là dove è nata l’agricoltura biologica in Italia.

Il biologico

Erano gli anni ’70, Una canzone dell’epoca diceva: «Anche l’operaio vuole il figlio dottore», ma, in controtendenza, a Isola del Piano, un giovane sindaco dà il via a una cooperativa agricola coinvolgendo i ragazzi, figli di contadini. Oggi quella cooperativa è una realtà che dà lavoro a 70 persone ed esporta la pasta biologica in tutto il mondo, Confederazione compresa. Anzi, il mercato trainante della cooperativa è ancora quello estero (80%) visto che in Italia i consumi bio, al 4% del totale, segnano ancora il passo. A lungo, una legge che non permetteva di vendere un prodotto come la pasta integrale ha creato non pochi problemi ai giovani contadini marchigiani. Negli anni, tuttavia, i produttori hanno contribuito a scrivere le norme sulla certificazione e sono arrivati nel settore bio anche i grandi gruppi.

Il legale

A Isola del Piano, la cooperativa ha ancora un controllo totale della filiera che le permette di avere dei grani garantiti, un reddito maggiore per i coltivatori e la trasparenza necessaria per contrastare le infiltrazioni mafiose (giacché anche le Marche non sono più un’isola felice). Fu l’ "Operazione Sciacallo", ordinata dalla Procura di Lecco nel 2001, a rivelare la presenza mafiosa anche sulle colline marchigiane. Fu uno choc a cui l’amministrazione reagì prendendo in gestione uno dei beni confiscati a un mafioso per aprire una Biblioteca della Legalità. Da allora Isola del Piano ospita campi e incontri della rete di Libera, la coalizione antimafia, e si organizzano corsi nelle scuole proprio sulla relazione tra alimentazione e legalità per trasformare i consumatori in “consum-attori”, attori delle scelte nella vita di tutti i giorni.

Massimo Lauria

Condividi