La vita nel dopo Covid-19

È possibile guarire, ma è importante rivedere le proprie certezze e modificare le proprie abitudini - Storia di Sara e di Valentina

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Sara Bonfanti, 34, anni. Valentina Scanziani, 47 anni. Entrambe si sono ammalate di Covid-19 ed entrambe sono guarite. Due storie diverse. La prima, specializzanda di medicina al secondo anno all’Ospedale Sant’Orsola di Bologna. La seconda, imprenditrice milanese. Si sono ammalate di Covid-19 all’inizio di marzo. Sara lavorando in ospedale. Valentina accudendo suo padre che è deceduto proprio di Covid19. Da questa esperienza dolorosa entrambe hanno imparato qualcosa.

“Ho capito che è assolutamente prezioso dedicare tempo a se stessi, alla propria famiglia e a volersi più bene”, racconta Valentina. Anche per Sara il periodo di quarantena ha significato fermarsi a riflettere, rinunciare alla cura dei suoi pazienti per farlo in altro modo, attraverso la ricerca scientifica. Nell’ultima fase di quarantena, Sara ha infatti iniziato un progetto di ricerca scientifica coordinato dall’ospedale Sant’Orsola di Bologna. “Con la mia capa abbiamo deciso di usare bene questo tempo, ossia attraverso la ricerca. E questo può essere un modo per aiutare i miei pazienti, anche da casa”.

Sara Manisera
Condividi