"L'archivio svizzero deve tornare a Salerno"

Storia delle Manifatture cotoniere Meridionali, nate grazie all'intraprendenza di David Vonwiller, che lasciò San Gallo per trovare fortuna a Sud di Napoli

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

All’inizio dell’Ottocento David Vonwiller lasciò la sua San Gallo per trasferirsi a Napoli e cercare fortuna. La trovò pochi chilometri più a Sud, a Salerno, dove installò il primo cotonificio moderno del Meridione d’Italia. A lui, nel corso degli anni, si unirono diversi connazionali: prima Friedrich Albert Wenner e poi Karl Schlepfer.

Inizia così la grande avventura industriale svizzera nel salernitano che porterà alla costituzione delle Manifatture Cotoniere Meridionali (MCM).

Di quell’avventura – terminata per gli svizzeri durante la Prima Guerra Mondiale – resta poco: il complesso industriale è stato trasformato in un centro commerciale, altri stabilimenti sono stati distrutti e trasformati in garage pubblici. Resta una chiesetta, un cimitero e una palazzina in stile liberty.

E poi c’è l’archivio, un enorme archivio: 600 casse che contengono più di un secolo e mezzo di storia e che al momento si trovano depositate ad Avellino.

Un archivio privato che i salernitani vorrebbero tornasse in città. “L’obiettivo – spiega il sindaco di Pellezzano e consigliere provinciale alla cultura Francesco Morra – è quello di creare un museo dell’industria tessile salernitana così da mettere in risalto e mostrare al pubblico lo straordinario archivio delle MCM”.

Mario Messina
Condividi