Libri a casa ai tempi del Covid-19

Giovane, titolare di una libreria indipendente nella zona universitaria di Torino, Mattia si è inventato una professione che avrà anche un futuro

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Una città semideserta, un giorno di primavera che stona con la paura generalizzata e un ragazzo con la sua bicicletta gialla. Tuttavia, quella di Mattia Garavaglia non è una pedalata qualunque per le strade di una Torino che, come il resto d'Italia, lotta contro l'epidemia di Covid-19 attraverso l'autoisolamento. Mattia è il giovane titolare di una libreria indipendente in zona universitaria, la Libreria del Golem, che davanti alla minaccia di un crollo negli affari, nonché un picco di noia per i suoi clienti confinati in casa, ha deciso di portare a ciascuno i libri a domicilio.

«In parte lo facevo già prima dell'emergenza - racconta - ma questa situazione mi ha spinto ad aguzzare l'ingegno. Quando sono stati vietati gli assembramenti, ho portato i miei clienti in piazza, tutti a un metro di distanza l'uno dall'altro per poter proseguire con gli eventi di lettura pubblica. Poi, non è più stato possibile e mi sono offerto di consegnare i libri porta a porta. Continuerò a farlo anche quando tutto questo sarà passato, perché passerà, e sono sicuro che lo faranno anche tanti altri miei colleghi».

Filippo Fiorini

AlbaChiara Weekend del 14.03.20: Libri per tutti anche se le biblioteche sono chiusi. L'intervista a Vassere Stefano sul servizio Ebook - MediaLibraryOnLine del Sistema bibliotecario ticinese
AlbaChiara Weekend del 14.03.20: Libri per tutti anche se le biblioteche sono chiusi. L'intervista a Vassere Stefano sul servizio Ebook - MediaLibraryOnLine del Sistema bibliotecario ticinese
 
Condividi