Lugano turistica? C'è da lavorare...

La nuova legge sui negozi permette un'estensione delle aperture, ma per ora pochi commercianti la sfruttano e molte persone nemmeno la conoscono

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Lugano vorrebbe essere una città turistica estiva, con i commerci sempre aperti, un po' come Ascona, ma ancora non è riuscita a diventarlo.

Perché un conto è battere i pugni sul tavolo e chiedere una maggiore liberalizzazione per rilanciare commerci e turismo. Altro è - una volta ottenuta questa possibilità, grazie alla legge sui negozi - cambiare le proprie abitudini e mettere in pratica i buoni propositi. Impegnarsi 7 giorni su 7. E farsi conoscere, promuovendo la nuova destinazione turistica domenicale presso il grande pubblico.

Va detto che la nuova legge sugli orari di apertura dei negozi è entrata in vigore il 1° gennaio del 2020. E poco dopo, a marzo, il Ticino è stato colpito dalla pandemia di coronavirus con conseguenti chiusure. Certamente questo non ha aiutato.

"La legge è entrata in vigore da un anno circa e quindi siamo ancora in una fase embrionale di questo processo", ammette il presidente del Commercianti luganesi Rupen Nacaroglu. "Ci sono gli entusiasti. E ci sono quelli più restii: per difficoltà economiche, di personale o finanziarie - aggiunge -, ma il nostro scopo resta quello di portare più persone possibile ad aprire".

"Noi siamo sempre aperti. E siamo contenti. Gi incassi sono aumentati", spiega Marco Lucchetti della Art Gallery di Piazza Cioccaro, uno degli storici sostenitori della liberalizzazione sulle aperture. "Ed è una questione di abitudini", prosegue. "Ci vorrà del tempo, ma anche gli altri lo capiranno".

Joe Pieracci

  • La legge in breve

Apertura dal lunedì al venerdì fino alle 19.00 (ma il giovedì fino alle 21.00), sabato fino alle 18.30 e domenica e festivi fino alle 18.00. Divieto di vendere i distillati alcolici oltre i normali orari d’apertura. Nelle regioni turistiche, per i negozi fino a 200 metri quadrati, è possibile aprire 7 giorni su 7 fino alle 22.30 (quando il diritto federale permette di occupare il personale).

 

  • Località turistiche

L'entrata in vigore della nuova legge sugli orari dei negozi ha portato anche un'estensione del numero dei comuni in cui i commerci possono beneficare dello speciale regime previsto per le località turistiche. Si tratta delle località che, in estrema sintesi, hanno un'offerta di cure, sport, escursioni e soggiorni di riposo per le quali il turismo svolge un ruolo importante e soggiace a fluttuazioni stagionali e che, al contempo, o registrano almeno 8'000 a pernottamenti stagionali, o hanno almeno 3 strutture ricettive oppure dispongono di oltre 65 abitazioni secondarie. L'elenco comprende 66 località estive e 23 invernali.

 

Condividi