Primo passo: sequenziare il virus

Viaggio all'interno di uno dei numerosi laboratori di virologia dove si traccia il profilo del Covid19, indispensabile per giungere al vaccino

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il crollo delle certezze, in questi tempi di Covid19, ha lasciato un unico messaggio chiaro: senza vaccino non ne usciremo. Così noi siamo andati a vedere come si svolgono le ricerche per giungere all'agognato obiettivo. 

Laboratorio di Virologia di Ancona - diretto dal prof. Stefano Menzo coadiuvato dalla prof.ssa Patrizia Bagnarelli e dalle dott.sse Sara Caucci e Laura Di Sante - . Qui è stato isolato il campione virale di due pazienti marchigiani. Il virus è stato poi interamente sequenziato dal laboratorio di Genetica Forense della Medicina Legale diretto dal prof. Adriano Tagliabracci coadiuvato dal dott. Valerio Onofri e dalle dott.sse Chiara Turchi, Federica Alessandrini e Filomena Melchionda. "Il sequenziamento del virus è di grande rilevanza scientifica - ci spiegano il prof. Tagliabracci e il direttore Generale Ospedali Riuniti Ancona, Michele Caporossi -, in quanto consente di stabilire le differenze tra i campioni marchigiani e la sequenza di riferimento ("coronavirus di Wuhan") così da stabilire la filogenesi di SARS-CoV-2 e quindi il percorso ed i tempi della diffusione del virus fino a noi. Il risultato ottenuto è necessario per la sperimentazione del vaccino".

Ruben Lagattolla

Condividi