(©Ruben Lagattolla)

Rifiuti per rifarsi una vita

Beirut, una megalopoli dove problemi sociali e ambientali si accumulano, ma dove nascono anche idee - Storie libanesi (1)

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Libano è un paese molto piccolo. Per fare un paragone, è circa la metà della Sicilia e un quarto della Svizzera, con una popolazione che viene stimata sui sei milioni e mezzo di abitanti. Dal 2011, anno dello scoppio della guerra in Siria, il paese ospita circa un milione e mezzo di rifugiati siriani.

Ma oltre a loro si devono calcolare circa 450mila rifugiati palestinesi e centomila iracheni. Il Paese vive anche una grave crisi occupazionale che si attesta intorno al 25%. Questi dati possono servire a far capire quanto sia difficile per un siriano o un palestinese vivere e lavorare nel Paese. E tutto questo, Sam Kazak, palestinese di 34 anni nato negli Emirati Arabi Uniti lo sa bene. Ma questo non è l'unico problema. Nel 2015 la chiusura di una delle maggiori discariche del Libano ha portato a una grave crisi dei rifiuti con manifestazioni e proteste. Così Sam ha un'idea:  sviluppare un modello imprenditoriale sostenibile che possa coniugare attenzione per l'ambiente (ogni giorno a Beirut si producono tremila tonnellate di rifiuti) e un aiuto concreto nei confronti della fasce sociali più deboli, che siano libanesi o  straniere. È così  che nasce Recycle Beirut.

Cristiano Tinazzi

Condividi