Un antivirus? La zucca che ride

Non ci saranno molti "dolcetti o scherzetti" a causa del Covid-19 in questa notte di Halloween, ma ai frutti arancioni dell'orto non si rinuncia

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il campo dei fiori di Galbiate, sulle sponde del lago di Annone (Lecco) a ottobre si colora di arancio: centinaia di zucche popolano l'area su cui Cristina Tosi coltiva ortaggi tutto l'anno e offre ai visitatori la possibilità di sceglierli e raccoglierli personalmente. È la modalità "You pick", particolarmente diffusa in Nord Europa, che permette un stretto contatto con la natura favorendo la conoscenza dei segreti di fiori e ortaggi.

In questo periodo dell'anno, con le zucche a dominare la scena, il campo diventa luogo preferito dai bambini, che arrivano con le famiglie per scegliere la zucca più bella da intagliare e decorare per Halloween. Una festa importata dagli Stati Uniti - dove a loro volta l'avevano importata gli immigrati irlandesi, a metà '800 - ma sempre più diffusa anche in Europa.

A causa dell'emergenza sanitaria da Covid-19, quest'anno non ci sarà spazio per feste nei locali o tour "dolcetto o scherzetto", ma nelle case degli appassionati non mancherà una bella zucca dal ghigno beffardo.  

Marco Todarello

Condividi